Violenta lite si trasforma in rapina: arrestato 21enne

0
101
Violenta lite

Violenta lite si trasforma in rapina: arresto 21enne a Riccione poiché nel tratto di spiaggia

Nel pomeriggio di ieri, intorno alle 17:00 circa una ,Violenta lite si trasforma in rapina i carabinieri della Stazione di Riccione sono intervenuti in Piazzale Roma a Riccione poiché nel tratto di spiaggia antistante era stata segnalata una violenta lite tra un gruppo di ragazzi.

Al loro arrivo, i carabinieri hanno trovato sul posto solo due persone: un quarantaduenne della provincia di Macerata ed un ventiduenne della provincia di Modena, entrambi in vacanza a Riccione, i quali hanno raccontato ai militari di essere stati vittime di aggressione e di rapina da parte di un gruppo di tre uomini, dei quali hanno subito fornito una sommaria descrizione nonché ne hanno indicato la via di fuga.

Così i carabinieri hanno avviato immediatamente le ricerche, riuscendo a scovare uno degli aggressori nascosto a circa 300 mt di distanza, accovacciato dietro un veicolo. Immediatamente bloccato, un ventunenne incensurato, è stato condotto in caserma ove nel frattempo si erano recate le due vittime, vistosamente contuse e sanguinanti, per sporgere denuncia e chiarire i fatti.

Riccione (Rimini) – Travolta 84enne mentre attraversava la strada: gravi le sue condizioni

Riccione (Rimini) – Muore annegata 17enne durante un bagno all’alba

Riccione, corse clandestine: blitz delle forze dell’ordine nella zona industriale

Da quanto emerso, sarebbero stati degli sguardi insistenti e qualche parola di troppo ad accendere la lite tra il gruppo di tre uomini ed i due turisti. Una lite violenta, tra pugni e cinghiate, degenerata in una vera e propria rapina, atteso che al quarantaduenne sono stati sottratti 40 euro dallo zaino, proprio nelle fasi della colluttazione.

Del “bottino” ne è stata recuperata solo la metà, trovata nelle tasche del aggressore e restituita all’avente diritto. Nel frattempo, mentre i carabinieri proseguono le indagini per identificare i due uomini riusciti a dileguarsi, il ventunenne, che ha fornito la sua versione dei fatti raccontando di aver reagito a degli insulti ma negando ogni altro addebito, è stato condotto in carcere e li rimarrà in stato di arresto fino alla convalida del provvedimento, così come disposto dal PM di turno, dott. D.E..   Per i due feriti, invece, la vicenda si è conclusa con 20 gg di prognosi per il quarantaduenne e con 5 gg per il più giovane, entrambi dimessi in serata.