Videogioco pandemico incrementa le vendite con la diffusione del coronavirus

Un videogioco che simula la diffusione di una pandemia mortale è diventato l'app più venduta in diversi paesi del mondo durante l'epidemia di coronavirus.

0
299

La società di analisi AppAnnie ha annunciato che da questa mattina, “Plague Inc.” è stata classificata come la migliore app a pagamento per dispositivi iOS in paesi quali Cina, Canada, Stati Uniti, Francia, Germania e Regno Unito.

Già a pochi giorni dalla diffusione del virus al di fuori di Wuhan, il videogioco aveva raggiunto la vetta delle classifiche delle app in Cina.

Gli sviluppatori britannici del gioco, Ndemic Creations, hanno dichiarato di aver ricevuto molte domande sull’epidemia di coronavirus e hanno indirizzato gli utenti al sito Web dell’Organizzazione mondiale della sanità per ottenere risposte.

Nella giornata di ieri il loro sito Web e i loro server hanno avuto difficoltà a far fronte all’altissimo numero di giocatori.

È sufficiente una mascherina per il viso per proteggersi dal coronavirus?
Coronavirus: sintomi e prevenzione

Come funziona il gioco

L’app “Plague Inc.” chiede ai giocatori di sviluppare un virus in grado di adattarsi e diffondersi prima che gli scienziati possano sviluppare una cura, portando così alla distruzione della vita umana.

Il gioco è in vendita dal 2012, ma pare che il numero più alto di download sia stato registrato durante lo scoppio dell’epidemia nel mondo reale. Ogni volta che c’è stato il rischio di un’epidemia, si è registrato un aumento dei giocatori, mentre le persone cercano di scoprire di più su come si diffondono le malattie.

La compagnia ha avvertito, tuttavia, che i giocatori in cerca di informazioni sui patogeni reali dovrebbero rivolgersi direttamente alle autorità sanitarie locali e globali e non al gioco.

Abbiamo progettato specificamente il gioco in modo che sia realistico e informativo senza sensazionalizzare seri problemi del mondo reale“, si legge nella nota di Ndemic Creations di ieri. “Ricorda che Plague Inc. è un gioco, non un modello scientifico e che l’attuale epidemia di coronavirus è una situazione molto reale che sta colpendo un numero enorme di persone“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here