Vescovi e cardinali: saranno giudicati dal Tribunale vaticano

Vescovi e cardinali saranno processati dal Tribunale vaticano.

0
376
Vescovi e cardinali

Papa Francesco non solo sgretola i punti fondamentali della dottrina della Chiesa ma scardina le ipocrisie della vecchia curia romana. E recupera la bellezza del vangelo. La questione di cui oggi discutiamo è il via ai processi per i vescovi e i cardinali da parte del Tribunale vaticano. Promulgato con un nuovo Motu proprio. In cui si modifica l’ordinamento giudiziario dello Stato vaticano. 

Vescovi e Cardinali: saranno giudicati dal Trbunale vaticano?

Papa Francesco ha mirato da subito ad una Chiesa povera che guardi ai propri limiti. Prima che quelli di altri. Il sommo pontefice ha stabilito quindi, che vescovi e cardinali dovranno essere processati come tutti gli altri. In tribunale con più gradi di giudizio. Anche se accusati di reati penali. Se rinviati a giudizio, quindi, non saranno più giudicati da una Corte di Cassazione presieduta da un cardinale, come avveniva fino ad oggi. Ma sarà di competenza di quello vaticano.


Leggi anche: Stati Generali della Natalità: l’anatema di Papa Francesco


Il filo diretto Vaticano-Biden per scongiurare cosa?


Le divisioni nel clero

Ma la gerarchia cattolica è ancora divisa fra chi crede nel Dio che stà nell’alto dei cieli, e chi nel Dio incarnato nella realtà umana. Le frange più tradizionaliste danno per scontato che il cattolicesimo non potrà mai garantirsi il suo futuro se non conservando il potere gerarchico. I dogmi, e i privilegi conquistati. Mentre sull’altro versante si chiede la mobilitazione dei laici, la ragione, la conoscenza e i diritti alla libertà, e alla dignità. All’uguaglianza e alla fraternità umana. Dunque questo è precisamente quel che sta accadendo al cattolicesimo dei nostri giorni. Una riforma che rischia di diventare un vero e proprio stravolgimento, da parte del primo e unico Papa gesuita della storia. Che sta adoperando attraverso le sue omelie, le dichiarazioni, tutta una serie di cambiamenti che finiscono per modificare la stessa sostanza teologica e dottrinale del cattolicesimo.

Commenti