Vertice BRICS: il modello di governance cinese

0
162
BRICS: Iran chiede di entrare a far parte del gruppo

La Cina ospiterà il 14° vertice BRICS, il gruppo formato da cinque economie emergenti, Brasile, Cina, India, Russia e Sud Africa. Secondo gli analisti, Pechino utilizzerà il vertice per presentare il proprio modello di governance. Gli “amici” del presidente russo Putin si riuniscono e dicono no alle sanzioni; no all’espansione della NATO; sì alla globalizzazione; sì al dialogo per una ripresa economica guidata dall’innovazione. Con il vertice, la Russia e la Cina volgiono far vedere che può nascere un nuovo ordine mondiale contrassegnato dalla fine dell’egemonia americana. 

Vertice BRICS: la Cina imporrà il suo modello di governance?  

La Cina ospiterà oggi il 14° Summit BRICS che, secondo gli analisti, è un’opportunità per Pechino di promuovere il suo modello di governance e sviluppo in un momento di instabilità globale. Il presidente cinese, Xi Jinping, si unirà ai leader di Brasile, India, Russia e Sud Africa. I leader discuteranno di questioni di interesse reciproco e per inaugurare la “nuova era” per lo sviluppo globale.  In vista del vertice di Pechino, i media statali cinesi hanno elogiato i BRICS – acronimo delle cinque economie emergenti che insieme rappresentano circa un quarto dell’economia globale – per aver promosso “la cooperazione multilaterale con stili, forme e principi non occidentali”. I media hanno anche sottolineato l’importanza del blocco in un momento in cui “gli USA stanno spingendo i loro alleati occidentali a ‘ribellarsi’ contro la globalizzazione”.

In un contesto geopolitico complesso, il vertice BRICS fornisce a Pechino una piattaforma per promuovere la propria visione su come dovrebbero essere condotte le relazioni internazionali. Secondo gli analisti, BRICS è una sorta di controffensiva diplomatica da parte della Cina contro la NATO. Gli analisti affermano anche che la Cina utilizzerà il vertice, oltre che per criticare gli USA, anche per evidenziare il proprio ruolo nell’economia globale. I leader discuteranno del rinnovamento del multilateralismo per la ripresa economica globale, del coordinamento per affrontare il cambiamento climatico e la pandemia di coronavirus.  La Cina potrebbe anche proporre di espandere il gruppo BRICS. Tuttavia non ci sono stati annunci ufficiali su chi potrebbero essere i nuovi membri.  


Leggi anche: La Cina lancia ufficialmente la sua terza portaerei