Verso la luce

0
245
verso la luce

Verso la luce: continua il percorso di maturazione artistica di Piero Tramonta.
Nato nel 1951 a Bovezzo (BS) dove vive ed ha un suo laboratorio di studio e lavoro, si esprime attraverso la sua pittura intellettuale e di conoscenza,

sperimentando ogni angolo della mente, del corpo e dell’anima.
Un’arte, la sua, in continua mutazione e per questo il suo nuovo percorso si fonde con il progetto denominato Verso la luce.
Non di meno è la tecnica minuziosamente e sapientemente applicata e sempre molto ben curata e calibrata nei colori che imprime forza al simbolo o soggetto impresso
e che in ogni tratto lascia uno scorcio di un forte suo sentore di manifestazioni di stati d’animo e situazioni di un vivere quotidiano.

L’instancabile e continuo lavoro di Tramonta lo ha portato ad acquisire una tecnica sempre più notevole e mutevole ad ogni sua esigenza, consentendogli così di toccare
svariati temi nel suo percorso artistico pur nascendo come artista figurativo.
Esplora liberamente l’espressione pura che sfocia poi nel tempo in opere piu’ complicate e profonde… percorrendo labirinti di memorie e problematiche della societa’
attuale così disorientata e complessa.
Tramonta raggiunge un alto livello internazionale; viene apprezzato per la dinamicità, la maestria dell’applicazione del colore e delle sfumature e delle tortuosità di fili ognuno
congiunto all’altro nei vari intoppi dell’anima.

Ho visionato tutte le opere dell’artista incontrandolo personalmente e facendo lunghe chiacchierate sul fare arte.
Ascoltandolo si percepisce il laborioso e tortuoso pensiero interiore che cela ogni tematica da lui sperimentata e, come gia’ scritto in un articolo precedente, ogni artista è a sè.
Nel mio dire userò solo parole semplici, come un parlare scorrevole fra amici proprio per arrivare al cuore di ogni lettore e per dar modo comprendere meglio l’arte e l’artista
in modo diretto, facendovi appassionare e godendo della visione delle opere presentate.
Mi è capitato, varie volte, di sentire persone che guardando una mostra si sono espressi dicendo: ” sono capace anch’ io a fare quello!”, ma non è cosi.

Una cosa, fra le altre, mi ha colpito molto di questo artista: lascia sempre uno spazio libero nell’opera dipinta in cui si possono aggiungerne successivamente anche
altri particolari, come a comporre man mano un puzzle di vita simile ad un racconto che continua come un libro, dove si volta pagina per leggerne una fine!
Domenica 3 settembre 2017 ore 18,00
Mostra collettiva:
Galleria Caffetto
Spazio espositivo presso Metalpilter
ex strada statale 11 n.130
Ponte San Marco. (BS)

Previous articleIl ringraziamento di un clown è per sempre
Next articleInsetti, la gastronomia del futuro
Rosanna Romano, Artista nata a Gussago Brescia e vivo a Brescia. Amo dipingere, nasco autodidatta ,poi ho sentito il bisogno di approfondire le tecniche! socia artista in associazione culturale AAB i miei maestri ed artisti splendidi, Amos Vianelli e Enrico Schinetti con cattedra al S.Giulia. Ho partecipato a numerose mostre ottenendo ottimi commenti! ed articoli su quotidiani. Con Piero Tramonta e Bruno Rinaldi ,artisti di fama internazzionale ho partecipato con loro al primo sodalizio fra tennis e arte, agli internazzionali di tennis della città di Brescia 2016 presentata da Floriano De Santis come artista contemporanea nella realtà Bresciana. Conosciuta artista a Barletta e Roma.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here