Venezuela: 4 milioni di rifugiati in fuga dal paese

0
934
Venezuela: 4 milioni di rifugiati in fuga dal paese

Venezuela, sono 4 milioni i rifugiati che hanno lasciato il paese, sommerso da una crisi politica ed economica senza precedenti. Il numero è sconcertante; soprattutto se paragonato al numero di rifugiati siriani. 4 milioni sono, infatti, i rifugiati venezuelani, a fronte di 5,6 milioni di siriani. Dunque, solo un milione e mezzo in meno rispetto alla Siria, dilaniata da una guerra che dura da ben otto anni.

Il collasso economico del paese sudamericano ha creato una forte crisi umanitaria. La situazione in Venezuela è molto cupa.
La direttrice Unicef, Paloma Escudero, ha riferito: “Molti medici e infermieri hanno lasciato il paese. Le donne incinte non riescono ad avere le cure di cui necessitano. Non sono nemmeno in grado di raggiungere i centri sanitari, per la mancanza di carburante. I centri medici funzionano alla minima capacità a causa della penuria di medicinali. La mancanza di pezzi di ricambio ha lasciato a terra unità mobili e ambulanze”.

Venezuela: quattro milioni di rifugiati sono in fuga dal paese, stretto nella morsa di una crisi umanitaria, economica e politica senza precedenti.

Sempre Escudero, ha condiviso dati allarmanti sulla situazione in cui la popolazione venezuelana vive. Ha dichiarato che ben un terzo dei bambini ha bisogno di assistenza umanitaria, mentre il tasso di mortalità infantile è più che raddoppiato tra il 2014 e il 2017.

All’aggravarsi della crisi umanitaria, inoltre, contribuiscono la difficoltà dell’accesso degli aiuti e l’embargo a cui è sottoposto il paese.
Purtroppo, secondo le stime, la situazione non migliorerà. Anzi, l’economia venezuelana registrerà quest’anno un’ulteriore contrazione del 25 per cento, a fronte di quella del 18% di cui si parlava a gennaio. Mentre, la previsione dell’inflazione rimane costante: è del 10.000.000 per cento. In aggiunta a ciò, nel rapporto World economic outlook, si legge che l’economia del paese subirà anche nel 2020 una contrazione, del 10 per cento.

Dunque, già 4 milioni di rifugiati sono in fuga dal paese. Ad accogliere queste persone sono per lo più i paesi sudamericani. Al primo posto per numero di accoglienze si trova la Colombia con 1,3 milioni di rifugiati. Secondo il Perù, con 768 mila rifugiati. Seguono poi Cile e Ecuador con più di 250 mila accoglienze l’uno. Poi Brasile e Argentina, con 163 mila accoglienze il primo e 130 mila il secondo. Ma anche il Messico, i paesi dei Caraibi e dell’America centrale stanno ospitando un numero considerevole di rifugiati.

“Questi numeri mettono in luce il bisogno urgente di sostenere le comunità ospitanti” ha detto Eduardo Stein, inviato dell’Alto Commissariato Onu per i rifugiati. “L’America latina e i Paesi dei Caraibi stanno facendo la loro parte per rispondere a questa crisi, ma non ci si può aspettare che lo facciano senza aiuto internazionale”.

La crisi si è aggravata dopo che Guaidò ha giurato come Capo di stato ad interim. Il giuramento ha diviso l’opinione interazionale. Usa, Brasile, Colombia, Cile e altri paesi americani ed europei hanno dato il loro riconoscimento. Mentre, Bolivia, Cuba, Federazione Russa, Turchia e Cina si sono schierate al fianco del Presidente Maduro.