Vaticano: sparito mezzo miliardo, svuotato anche il conto personale del Papa

0
1171
Becciu-Marogna è veramente ciò che sembra

E’ partito tutto da un acquisto di un palazzo a Londra, e i magistrati durante le indagini hanno scoperto che è sparito mezzo miliardo. L’inchiesta dei magistrati della Santa Sede sull’acquisto del palazzo di lusso di Londra, ha portato ad approfondire e scoprire che anche il conto personale del Papa è stato saccheggiato. Il totale è 454 milioni di Euro.

Saccheggio in Vaticano sparito mezzo miliardo

Svuotato completamente anche l’Obolo di San Pietro, ovvero i soldi della carità del Pontefice. L’operazione ha messo le mani perfino sul conto riservato del Papa. Tutto è iniziato con le indagini sull’acquisto poco chiaro di un immobile londinese.

I dubbi dei magistrati

Secondo il Procuratore di giustizia Gian Piero Milano e il suo aggiunto Alessandro Diddi “la Segreteria di Stato finanzia l’operazione londinese con linee di credito del Credit Suisse e della Banca della Svizzera Italiana per 200 milioni di dollari garantite attraverso la costituzione del pegno di valori patrimoniali posseduti dalla Segreteria di Stato e rinvenienti nelle donazioni dell’Obolo di San Pietro”. Ovvero i soldi della carità del Papa.

Sparito mezzo miliardo

L’obiettivo è quello di acquistare il palazzo di Londra, ex sede di Harrods, ma il valore dell’immobile lievita enormemente. Secondo i magistrati vaticani “prima della sottoscrizione delle quote da parte della Segreteria di Stato viene realizzata dai gestori del fondo una consistente rivalutazione contabile che, allo stato delle investigazioni, non sembra trovare una valida ragione economica”.

Arrivare all’origine dell’operazione

Ora è importante tornare all’origine del fatto e cercare di comprendere se realmente l’azione di saccheggio ha un punto d’incontro con l’affare immobiliare. Per quanto riguarda la faccenda ancora il Vaticano non ha fatto dichiarazioni definitive. Neanche il portavoce del Vaticano ha espresso particolari intuizioni. I riferimenti su cui basare l’indagine sono veramente pochi. Capiremo nei prossimi giorni se ci sono implicazioni con personaggi all’interno dello Stato Pontificio.

Commenti