Il Vaticano scomunica il padre dei veggenti a Medjugorje, Tomislav Vlasic

Ancora scandalo in Vaticano. Ufficiale la scomunica del padre dei veggenti.

0
773
Vaticano scomunica padre

Il Vaticano ha emesso un decreto di scomunica, per il padre dei veggenti a Medjugorje, Tomislav Vlasic. L’atto, emesso dalla Congregazione per la Dottrina della Fede muove gravi accuse nei confronti di Vlasic. Tra le quali, la simulazione di celebrazioni dei sacramenti, peraltro non validi.

Tomislav Vlasic, il “padre spirituale”

Chi è Tomis Vlasic? Vlasic era un padre francescano. Nonchè ex “padre spirituale” dei sei ragazzini che nel 1981 cominciarono a riferire di vedere ogni giorno la Madonna a Medjugore. Ruolo che mantenne fino al 2009. Fino a che Papa Benedetto XVI lo fece dimettere dallo stato clericale, in seguito alle pesantissime accuse che lo riguardavano. Quali diffusione di dubbia dottrina, manipolazione delle coscienze, sospetto misticismo. Come pure disobbedienza verso gli ordini legittimamente costituiti e atti contro il ‘sextum’ (contro il Sesto comandamento di non commettere adulterio).

Il Vaticano scomunica il padre veggente: perchè?

Vlasic, non era più sacerdote dal 2009. Da allora si era trasferito da Medjugorje nel bresciano dove aveva fondato una Chiesa parallela a quella cattolica. Si tratta della “Chiesa di Gesù Cristo dell’Universo” guidata da lui. Nel corso di questi anni, Vlasic non ha mai ottemperato ai divieti a lui imposti nel precetto penale canonico emesso nei suoi confronti dalla medesima Congregazione, il 10 marzo 2009, sotto pena di scomunica riservata alla Santa Sede. In una nota della Diocesi, si legge: “ha continuato a dichiararsi religioso e sacerdote della Chiesa cattolica. Simulando la celebrazione di sacramenti non validi. Ha continuato a suscitare grave scandalo tra i fedeli, compiendo atti gravemente lesivi della comunione ecclesiale. Nonchè dell’obbedienza all’Autorità ecclesiastica”.

Leggi anche: Colpo di Stato in Vaticano: le eminenze si ribellano al Papa

La decisione di scomunica

La decisione è stata diffusa dal vescovo della Diocesi di Brescia, Pierantonio Tremolada. Il padre è stato totalmente espulso dalle celebrazioni religiose. Con la scomunica Vlasic non può prendere parte come ministro alla celebrazione dell’Eucarestia. O a una qualunque altra cerimonia di culto pubblico, celebrare o ricevere sacramenti.

Commenti