VAl Pusteria (Bolzano) – Frana causa il deragliamento di un treno. Circolazione in tilt

0
122

Il maltempo che sta colpendo l’Italia sta mettendo in ginocchio anche l’Alto Adige, dove da ieri è in corso una bufera di neve.

Dopo la valanga che nelle scorse ore si è abbattuta su un centro abitato, lasciando senza elettricità migliaia di utenti, nella mattinata di oggi, lunedì 18 novembre, una frana ha travolto i binari della ferrovia facendo deragliare un treno del trasporto locale Sad nei pressi del Rio Pusteria.

È successo intorno alle 6: a bordo a quell’ora c’erano solo due persone che non sono rimaste ferite. Il convoglio era partito da Fortezza in direzione di Brunico, con conseguenti pesanti ripercussioni sul traffico ferroviario. “Una frana – si legge sulla pagina Facebook ufficiale della provincia di Bolzano – ha interrotto la linea ferroviaria della Val Pusteria all’altezza di Rio Pusteria.

Lo smottamento è avvenuto proprio al passaggio di un treno, un solo passeggero è rimasto bloccato all’interno del convoglio ed è stato portato in salvo dai Vigili del fuoco volontari senza riportare ferite di alcun tipo. La linea della Val Pusteria è completamente chiusa al transito lungo tutto il percorso compreso tra Fortezza e San Candido, in entrambe le direzioni”.

Ma è tutta la val Pusteria a risultare attualmente isolata. Sono bloccati per motivi di sicurezza tutti gli accessi: la strada statale 48 tra San Sigismondo e San Lorenzo, la Strada del Sole, come anche le strade interpoderali, che i pendolari usano di solito per oltrepassare eventuali chiusure della statale. Bloccate anche la Val Martello e la Val Senales. “Restate a casa, ogni auto in più crea caos. La situazione è molto seria. Stiamo cercando di fare il meglio, ma la natura è più forte di noi tutti.

Speriamo di sbloccare lo stato viabilità entro le 12″, è stato l’appello lanciato su Facebook dal sindaco di San Lorenzo in Sebato, Martin Ausserdorfer, che sta aggiornando costantemente con foto e video, in merito alla situazione attorno al suo paese. Interventi dei pompieri si registrano anche a Casteldarne per liberare la strada dopo la caduta di alcuni alberi. Insomma, la situazione non è per niente facile, anche perché neve, pioggia, terreni umidi ma non ancora gelati hanno ingenerato un processo di continuo smottamento del terreno. Tuttavia, nelle prossime ore ci dovrebbe essere una tregua, anche se permangono i disagi: al momento sono ancora 2300 gli altoatesini senza luce.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here