Vaccino: Patto europeo per raccogliere 7,5 miliardi di euro

Le incoraggianti ricerche scientifiche spingono l'Unione Europea ed i suoi stati membri a sancire un accordo per finanziare un vaccino efficace ed accessibile a tutti, per contrastare questa pandemia.

0
506

Mentre gli stati europei gradualmente pensano alla ripresa economica, l’Unione Europea ha lanciato un piano di cooperazione chiamato “World against Covid-19″ (Il mondo contro il Covid-19). Gli incoraggianti progressi della ricerca scientifica spingono i leader europei a sedersi a tavolino, per finanziare la produzione e la distribuzione di un vaccino efficiente e sicuro contro questa pandemia. Lunedì 4 maggio sarà sottoscritto un testo, in seno alla conferenza dei donatori online, per raccogliere almeno 7,5 miliardi di euro. Il testo è stato firmato dal presidente del consiglio dei ministri della Repubblica Italiana Giuseppe Conte, dalla cancelliera federale della Repubblica di Germania Angela Merkel, dal primo ministro del Regno di Norvegia Erna Solberg, dal presidente della Repubblica Francese Emmanuel Macron, dal presidente del Consiglio Europeo Charles Michel e dalla presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen.

Digito ergo sum: verso il diritto di accesso alla rete

Il testo

Nel testo sottoscritto si richiama l’attenzione di tutti i cittadini al sostegno ed all’importanza della ricerca scientifica in questa fase storica, come dovere generazionale. Nella lettera, i leader garantiscono che tutti i fondi raccolti saranno destinati a: operatori sanitari, scienziati, programmi di ricerca ed organizzazioni internazionali, sostenendo in particolar modo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Inoltre si fa riferimento all’adesione al programma ” Access to Covid-19 Tools“(Act), una piattaforma di cooperazione globale per potenziare l’accesso e lo sviluppo della ricerca scientifica non solo nel campo dei vaccini, ma anche di tutti gli strumenti clinici e diagnostici per fermare la pandemia, affinché siano accessibili a tutti. Secondo i firmatari, tra gli obbiettivi di questo patto non può mancare l’aumento dei finanziamenti destinati alla ricerca, che secondo il Global preparedness monitoring board (Gpmb) è assai carente, anche su scala globale.

Fase 2: come cambia la vita degli italiani? Cosa si può fare e cosa no?

Non solo politica

Non saranno solamente le decisioni politiche a sostenere questa causa. Il fondatore di Microsoft Bill Gates e sua moglie Melinda sposano la causa di un accordo di cooperazione europea ed hanno dichiarato la loro intenzione di donare 250 milioni di dollari, attraverso la loro fondazione (Gates Foundation) per finanziare un vaccino contro il Coronavirus, una volta testata la sua efficacia. Da diversi giorni Gates aveva apprezzato il lavoro del Jenner Institute di Oxford, in collaborazione con l’azienda italiana Advent-Irbm di Pomezia, augurando che possa essere utile e che le case farmeceutiche siano in grado di produrlo.

Commenti