Utente di TikTok pubblicizza false carte d’identità del vaccino Covid

Le vende su Shopify a soli 5 sterline

0
434
Utente di TikTok pubblicizza false carte d’identità

Video shock in Gran Bretagna. Un utente di TikTok ha condiviso un video che pubblicizza la vendita, per sole 5 sterline, di false carte d’identità che certificano la  vaccinazione contro il coronavirus. Ha inoltre aperto un collegamento con Shopify dove i britannici possono comodamente acquistare le carte.

Utente di TikTok pubblicizza false carte d’identità: cos’è successo?

La pandemia di coronavirus sta dilagando in ogni parte del mondo mettendo a dura prova i governi e le popolazioni mondiali. Molti sognano di poter tornare ad una vita normale e attendono un vaccino che possa sconfiggere il virus. L’azienda Pfizer, in collaborazione con la BioNTech, ha annunciato che il suo vaccino contro il coronavirus è efficace al 95%. La Gran Bretagna è stata il primo Paese ad approvare l’uso del vaccino. La popolazione ha accolto la notizia con gioia, ma come sempre ci sono le persone contrarie e quelle che cercano di guadagnare truffando.

Quando l’agenzia del farmaco britannica ha dato il via libera all’utilizzo del vaccino sono nate le prime polemiche. A ogni britannico che verrà vaccinato contro il coronavirus verrà consegnata una specie di carta d’identità con un messaggio che li esorta a tenerla sempre con sé. Tuttavia molti hanno criticato tale proposta. Molti temono che potrebbe creare un mercato nero di false carte qualora pub, teatri e ristornati chiedessero di esibire le care prima dell’ingresso. Questo anche se Downing Street ha negato qualsiasi piano di passaporto vaccinale. Ma alcune aziende, tra cui la compagnia aerea Qantas, ha già affermato che avrà un trattamento preferenziale chiunque abbia ricevuto il vaccino. I timori del mercato nero per le carte d’identità del vaccino si sono già realizzati. Un utente di TikTok ha infatti pubblicizzato la vendita di false carte di identità a sole 5 sterline.

L’account dell’utente di TikTok ha pubblicato due clip

L’account ha pubblicato due clip che mostrano false carte di vaccinazione insieme al collegamento a una pagina di Shopfy dove è possibile acquistare una carta a sole 5 sterline. La carta d’identità sembra essere molto simile a quelle fornite dagli ospedali dopo la vaccinazione. Contengono lo spazio per il nome del vaccino, il numero del lotto e la data in cui è stato iniettato.

TikTok: l’account è già stato rimosso

Un portavoce di TikTok ha confermato che la creazione dell’account risale a venerdì sera e che ora è definitivamente bandito dalla piattaforma. Ha dichiarato: “Questi video sono stati rimossi per aver violato le nostre linee guida della community, che chiariscono che non consentiamo truffe o disinformazione, inclusa la disinformazione sui vaccini, che potrebbero causare danni alle persone su TikTok o al pubblico in generale”. 

In Gran Bretagna polemiche per la crezione di un passaporto vaccinale

Il gruppo di advocacy Liberty ha espresso il timore che la carta possa “aprire la strada” a un sistema di identificazione nazionale completo creando una contea a due livelli in cui alcuni britannici hanno libertà ma quelli senza immunità sono “esclusi”. Il gruppo teme che le persone senza la carta possano essere bloccate dall’accesso ai “servizi pubblici essenziali, al lavoro o all’alloggio”, con i “più emarginati tra noi” che vengono colpiti più duramente. L’ex ministro Sir Desmond Swayne ha dichiarato che la carta d’identità per la vaccinazione del Regno Unito potrebbe essere interpretata come un messaggio ai britannici che “potranno avere accesso alle loro libertà civili se si faranno vaccinare ”. Ha detto: “Questa è coercizione“, aggiungendo la sua preoccupazione che le persone “finiranno per” falsificare i documenti “per poter vivere normalmente”.

Downing Street nega la creazione di un passaporto

Downing Street ha insistito sul fatto che le carte sono semplicemente un “promemoria” per ottenere la seconda dose in modo che il vaccino sia più efficace e non una forma di “passaporto dell’immunità”. Il portavoce di Boris Johnson ha dichiarato: “Le carte sono promemoria del NHS. Spingono le persone a prendere la seconda dose di cui hanno bisogno. È una pratica consolidata nel NHS offrire alle persone delle tessere per ricordare loro il prossimo appuntamento”. Tuttavia il ministro della Salute, Nadhim Zahawi, ha detto che i ristoranti e bar potrebbero chiedere qualche prova di vaccinazione. Ha affermato: “Penso che probabilmente scoprirai che anche i ristoranti, i bar, i cinema e altri luoghi, impianti sportivi, useranno quel sistema”.


Leggi anche: Vaccino Pfizer / BioNTech Covid-19: 6 domande chiave

Commenti