La crisi nordcoreana è sempre al centro delle preoccupazioni degli Stati Uniti e la Casa Bianca alza il tiro.

Il Direttore della Cia, Mike Pompeo, ha dichiarato di aver istituito una task force speciale, guidata da un veterano dell’intelligence americana di cui non è stato rivelato il nome, per ostacolare il programma nucleare e quello missilistico del Dittatore Kim Jong Un.

Il Korea Mission Center consentirà, a parere degli esperti, di difendere l’intera comunità internazionale da tali minacce grazie a un migliore coordinamento di tutti gli 007, delle diverse agenzie Usa, che indagano per comprendere le mosse future di Pyongyang.

Il Regime possiede infatti armi, convenzionali e non, in grado di colpire i Paesi confinanti, le basi militari del Pentagono ospitate in quei territori e quasi certamente gli stessi Stati Uniti.

Washington, Tokyo e Seul hanno dispiegato, nella zona di crisi, un imponente dispositivo bellico che è pronto ad entrare in azione in caso di nuovi test di Kim Jong Un. Tale pressione avrebbe però, almeno apparentemente, sbloccato il pericolosissimo stallo diplomatico che si era creato. Secondo quanto si è appreso, alcuni funzionari americani avrebbero incontrato informalmente, pochi giorni fa, quelli nordcoreani per provare ad abbassare la tensione, dopo la disponibilità dichiarata da Trump a dialogare, nelle giuste condizioni, col leader Kim Jong Un.

La Camera del Congresso Usa ha approvato, tuttavia, il rafforzamento delle sanzioni verso quest’ultimo e ora si attende, prima della loro entrata in vigore, il via libera del Senato.

C’è attesa di comprendere, intanto, la posizione della Corea del Sud, nei confronti del Nord, all’indomani dell’elezione del nuovo Presidente Moon Jae – In che si è detto disponibile ad attuare una politica di distensione. Aveva mostrato inoltre, in campagna elettorale, la propria disapprovazione verso la decisione della Casa Bianca di dispiegare, sul suolo sudcoreano, il sistema missilistico THAAD che la Cina vede, tra l’altro, come un pericolo alla propria sicurezza nazionale.

 

 

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here