USA: stop momentaneo all’immigrazione

0
530
USA: stop momentaneo all'immigrazione

Il presidente Donald Trump ha dichiarato che firmerà un ordine esecutivo per sospendere temporaneamente tutta l’immigrazione negli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: in USA potrebbero morire in 100 mila

Stop momentaneo all’immigrazione in USA

Su Twitter, ha citato “l’attacco del nemico invisibile”, così chiama il virus, e la necessità di proteggere i lavori degli americani, ma non ha fornito ulteriori dettagli. Alcuni affermano che il governo sta usando la pandemia per reprimere l’immigrazione.

L’annuncio di Trump arriva quando la Casa Bianca ha affermato che la peggiore pandemia è finita e il paese può iniziare a riaprire. Le restrizioni al movimento delle persone in molti Stati hanno paralizzato parti dell’economia. Nelle ultime quattro settimane, oltre 20 milioni di americani hanno presentato richieste di sussidio di disoccupazione. Ciò equivale all’incirca al numero di posti di lavoro che i datori di lavoro avevano aggiunto nel decennio precedente.

Il virus negli Stati Uniti

Gli Stati Uniti hanno oltre 787.000 casi confermati di Covid-19 e oltre 42.000 morti, secondo un conteggio della Johns Hopkins University.

Il mese scorso, gli Stati Uniti hanno sospeso quasi tutti il trattamento dei visti, anche per gli immigrati, a causa della pandemia.

Gli Stati Uniti hanno già concordato con il Canada e il Messico di estendere le restrizioni alle frontiere per i viaggi non essenziali almeno fino a metà maggio.

Lo stesso avviene in Cina, anche se le persone con visti di lavoro temporanei, studenti e viaggiatori d’affari sono esentate.

Nelle ultime settimane, gli USA hanno espulso migliaia di migranti privi di documenti al confine degli Stati Uniti con il Messico. La misura di sanità pubblica consente ai funzionari di ignorare le leggi sull’immigrazione, accelerando i processi di rimozione.

Tuttavia, non è un segreto che il presidente, e diversi consiglieri chiave, abbiano visto a lungo l’immigrazione non come un vantaggio per la nazione, ma come una fuga. E il testo del suo tweet, in cui si parla “dei suoi grandi cittadini americani”, sottolinea solo questo.

Non vi è dubbio che i gruppi a favore dell’immigrazione contrasteranno la proposta.