USA-Italia: i futuri rapporti tra i due Paesi

L'alleanza fra Italia e Stati Uniti è sempre stata fondamentale, fin dalla Guerra Fredda. Oggi, però, l'America teme che Roma si possa avvicinare troppo alla Cina

0
245
USA-Italia

Il rapporto USA-Italia è sempre stato molto importante per le relazioni transatlantiche. Dopo la fine della Guerra Fredda, i due Paesi hanno collaborato in diverse operazioni in ambito NATO e non. Ora, però, Washington è preoccupata per l’avvicinamento di Roma a Pechino. Vediamo quali potrebbero essere i rapporti con l’Italia con una futura presidenza Trump o Biden.

USA-Italia: come sono i rapporti?

Gli Stati Uniti e l’Italia hanno intensificato le loro relazioni fin dai primi anni del secondo Dopoguerra. L’Italia era uscita dal conflitto mondiale completamente distrutta, sia economicamente che socialmente. Tuttavia, Washington era anche preoccupata del fatto che in Italia prevalesse in Partito Comunista, e che quest’ultimo si potesse alleare con l’Unione Sovietica.

L’Italia aveva bisogno dell’aiuto americano per la ricostruzione del paese dopo la guerra. Così, l’allora premier italiano Alcide De Gasperi decise, nel gennaio 1947, di volare in America e di chiedere aiuti economici.

De Gasperi fu il primo italiano a parlare davanti al Congresso statunitense, e si dichiarò come l’uomo che poteva sconfiggere il più grande partito comunista dell’Europa occidentale. Il premier riuscì a tornare in Italia con 100 milioni di dollari per lo Stato.

Nell’aprile del 1948, alle elezioni italiane la Democrazia Cristiana di De Gasperi vinse con il 48% dei voti.

Scampata la paura di una svolta filosovietica italiana, gli USA aiutarono Roma a consolidare la sua posizione in Occidente, e decisero di stanziare alcune basi militari americane sul territorio italiano.

Dopo la fine della Guerra Fredda, i due Paesi iniziarono a collaborare in diverse operazioni in ambito NATO e non, come la Guerra del Golfo, l’intervento in Libano, le operazioni in Somalia e Mozambico, il bombardamento NATO sulla Jugoslavia e l’intervento in Iraq.

Trump sconvolge le relazioni trasatlantiche

Tutti i presidenti americani hanno sempre cercato di mantenere solida l’alleanza transatlantica e la stabilità europea. Ma con l’arrivo alla Casa Bianca del presidente Donald Trump tutto è cambiato. Infatti, Trump non è interessato a coltivare relazioni amichevoli con i partner d’oltreoceano.

Sotto l’amministrazione Trump, Washington inizia a preoccuparsi dell’aumento dell’influenza della Cina in Italia, e condanna la firma da parte di Roma del memorandum d’intesa dei progetti della Belt and Road Initiative.

Nell’ultima visita del Segretario di Stato Mike Pompeo a Roma, infatti, il tema su cui ci si è maggiormente concentrati è stato il dossier Cina.

Come saranno i futuri rapporti USA-Italia?

In America, tra pochi giorni vi saranno le elezioni presidenziali. La sfida sarà fra il presidente uscente Donald Trump e il candidato democratico Joe Biden.

Qualora il presidente Trump venisse rieletto, le relazioni con l’Italia sarebbero influenzate soprattutto dalle politiche che la Casa Bianca deciderà di seguire con l’Europa, in particolare nei temi del commercio e della sicurezza.

Se Trump ricominciasse a fare leva sugli scambi commerciali, l’Italia sarebbe un bersaglio. Infatti, ha un avanzo commerciale di oltre 30 miliardi di dollari rispetto agli Stati Uniti.

Tuttavia, la cooperazione fra Italia e USA nell’ambito militare rimarrà strategica per Washington. Infatti, un disimpegno degli USA dal Medio Oriente aumenterebbe la possibilità di aumentare le installazioni militari statunitensi in Italia.

Biden tornerebbe allo status quo ante Trump

Se a vincere invece dovesse essere il democratico Joe Biden, ci si potrebbe aspettare che si ritorni allo status quo ante Trump per quanto riguarda le relazioni USA-Italia.

Tuttavia, Biden potrebbe chiedere agli alleati europei una posizione chiara sulle relazioni con Russia e Cina. Soprattutto, un’amministrazione Biden non sarebbe disposta ad accettare un’Unione Europea tollerante con la Russia.

Una Casa Bianca democratica proverebbe a rilanciare una cooperazione con l’UE sui temi di interesse comune e in questo metterebbe in un ruolo di spicco l’Italia.


Leggi anche: USA – Russia: cosa succederà dopo il 3 novembre?

Commenti