USA Breaking news del 14 settembre 2020

Ecco le ultime notizie dagli Stati Uniti del 14 settembre 2020

0
640
27 novembre
USA Breaking news (periodicodaily)

Oggi, 14 settembre, ci giungono nuove news dagli USA.

Last news del 14 settembre

Trump: pena di morte se gli sceriffi di Los Angeles muoiono

Il presidente Trump ha scritto su Twitter, riferendosi all’aggressione degli agenti a Los Angeles: “Se muoiono, un veloce processo con condanna a morte per il killer. E’ l’unico modo per fermare questo!”.

Trump avrebbe quindi invocato la pena di morte per chi ha ferito gravemente i due vice sceriffi nella conte di Los Angels in un agguato nella notte di sabato.

Bloomberg finanzia 100 milioni di dollari per la campagna di Biden in Florida

L’ex sindaco di New York City, Mike Bloomberg, ha annunciato che finanzierà almeno 100 milioni di dollari per sostenere la campagna presidenziale di Joe Biden in Florida.

Questa mossa arriva come risposta all’intenzione del presidente Trump di finanziare autonomamente la sua campagna.

La Florida è uno degli stati in bilico. Qui nel 2016 aveva vinto per una manciata di voti.

Trump firma la riduzione dei prezzi dei farmaci

Il presidente Trump ha annunciato sul web: “Appena firmato un nuovo ordine esecutivo per abbassare i prezzi delle medicine!”.

Trump ha poi continuato dicendo: “Il mio ordine ‘Most Favorited Natoin’, garantirà che il nostro paese ottenga lo stesso prezzo basso che Big Pharma dà ad altri paesi. I giorni dello scrocco globale a spese dell’America sono finiti e i prezzi stanno scendendo rapidamente! Ho anche appena concluso tutti gli sconti agli intermediari, riducendo ulteriormente i prezzi!.

TikTok: Oracle ha vinto la gara, respinta offerta Microsoft

Microsoft ha annunciato che la sua offerta per l’acquisto dell’app cinese TikTok è stata rifiutata da ByteDance. L’annuncio arriva alla vigilia della scadenza del 15 settembre per mettere al bando l’app.

Oracle, l’unica società della Silicon Valley alleata del presidente Trump, ha vinto la gara per l’acquisto delle attività di TikTok.

Il Wall Street Journal ha riportato che la società di Redwood sarebbe pronta ad annunciare l’app cinese come un fidato parte tecnologico. Tuttavia, l’accordo potrebbe non essere strutturato come una vendita completa.

Ora la Casa Bianca e la commissione per gli investimenti stranieri in USA dovranno approvare l’intesa.

Altre news del 14 settembre

Un ex agente dell’FBI afferma di credere ancora che Trump sia compromesso con i russi

L’ex agente dell’FBI Peter Strzok ha affermato che crede ancora che il presidente Trump sia compromesso con i russi. Ha infatti detto: “Credevo nel 2016 e continuo a credere che Donald Trump sia compromesso dai russi. E intendo che la Russia esercita una leva su di lui che lo rende incapace di porre la sicurezza e l’interesse nazionale al di sopra della sua sicurezza”.

Strzok ha poi continuato dicendo: “Uno dei modi con cui i governi stranieri riescono a fare pressioni su un presidente è attraverso le complicazioni finanziarie. Penso che quando si guarda all’impresa di Trump, e in particolare al suo rapporto con la Russia e con i soldi russi che arrivano dalla criminalità organizzata, queste interazioni lo hanno messo in una posizione in cui i russi sono in grado di avere un’influenza su di lui e influenzare le sue azioni”.

La folla in Nevada per Trump urla “Rinchiudetelo” a Obama

Il presidente Trump, nonostante le autorità statali gli avessero detto che non poteva tenere dei comizi, ha deciso ugualmente di tenere un comizio in Nevada.

Durante l’evento a Henderson, Trump ha detto ai partecipanti che l’ex presidente Obama è stati sorpreso mentre spiava la sua campagna. I partecipanti al comizio hanno iniziato ad urlare “Rinchiudetelo”, riferendosi ad Obama, lo stesso slogan utilizzato per Hillary Clinton.

In questo comizio, il presidente Trump è stato molto criticato per aver ospitato un evento al chiuso con una folla immensa senza mascherine. Ha inoltre dichiarato alla folla che l’america “sta girando l’angolo” sul virus.

Il dottor Jonathan Reiner, professore di Medicina e Chirurgia presso la George Washington University, ha dichiarato che la manifestazione tenuta da Trump al coperto in Nevada è un “omicidio colposo”. Infatti, molti esperti temono che, come a Tulsa, possa avvenire una catena di contagi. Reiner ha detto che è anche preoccupante che Trump abbia sfidato le leggi del Nevada sugli assembramenti, e che quindi continua a minimizzare il virus.

La NFL in protesta contro l’ingiustizia sociale

E’ iniziato il campionato della NFL, e le squadre hanno protestato contro le questioni della giustizia sociale.

La Lega ha ordinato che ad ogni partita bisogna riprodurre due canzoni pre-partita, ovvero The Star Spangled Banner e Lift Ev’ry Voice and Sing. Inoltre, la NFL ha affermato che le squadre possono rimanere negli spogliatoi durante l’inno oppure inginocchiarsi.

Nella prima partita di campionato sei squadre sono rimaste in spogliatoio durante l’inno. Queste sono i Green Bay Pakers, i Jacksonville Jaguars, i Philadelphia Eagles, i Buffalo Bills, i Miami Dolphins e i New York Jets.

La maggior parte dei giocatori e allenatori durante l’inno si è inginocchiata, seduta in panchina o ha alzato il pugno.

L’allenatore degli Indianapolis Colts, Frank Reich, è stato l’allenatore più importante ad inginocchiarsi. Ha dichiarato: “Il nostro intento è portare l’attenzione sulle questioni del razzismo sistemico e dell’ingiustizia che da esso deriva. Volevamo dimostrare anche con un gesto simbolico che chiediamo un cambiamento significativo. PER ESSERE CHIARI, non stavamo protestando contro la bandiera, l’inno o gli uomini e le donne che indossano l’uniforme. Volevamo sottolineare che il potere del razzismo è incoerente con l’unità e la libertà di ciò che significa essere americano”.


Leggi anche: QAnon si sta diffondendo in tutto il mondo