USA Breaking news del 13 settembre 2020

Ecco le ultime notizie dagli Stati Uniti del 13 settembre 2020

0
154
23 ottobre
USA Breaking news (periodicodaily)

Oggi, 13 settembre, ci giungono nuove notizie dagli USA.

Last news del 13 settembre

Fauci: ritorno alla normalità per la fine del 2021

Il virologo Anthony Fauci non ha escluso che il vaccino possa arrivare entro i prossimi mesi. Tuttavia afferma che la società potrà tornare alla normalità pre coronavirus quando la maggioranza degli americani sarà vaccinata, quindi “nel 2021, forse verso la fine del 2021”.

Fauci ha detto di non essere d’accordo con la dichiarazione di Trump. Quest’ultimo ha detto che gli USA stanno voltando pagina sulla pandemia.

Biden attacca Trump sul cambiamento climatico

Joe Biden ha diffuso un annuncio nel quale afferma che lui e la moglie Jill sono al fianco di tutte le persone colpite dai roghi nella West Coast e ai soccorritori.

L’ex vicepresidente ha anche attaccato Trump sul cambiamento climatico. Ha infatti detto: “Il cambiamento climatico pone un’imminente minaccia esistenziale. Trump può tentare di negare questa realtà ma i fatti sono innegabili”.


USA, in Oregon nuove vittime a causa degli incendi


Primo capo statunitense alla banca sudamericana

Trump conquista anche la Inter American Development Bank, il principale istituto di credito internazionale volto allo sviluppo economico e sociale dei paesi sudamericani.

Infatti, il candidato presentato dal Presidente nonché suo alto consigliere per l’America latina, Mauricio Claver Carone, è stato eletto presidente della banca.

Si tratta del primo statunitense nei 61 anni di storia della banca. A capo di questa istituzione c’è sempre stato un sudamericano con un vice statunitense.

13 settembre: sondaggio del NYT vede Biden in vantaggio in 4 stati in bilico

Il candidato Joe Biden è avanti al presidente Trump in quattro stati generalmente in bilico. A riportarlo è un sondaggio del New York Times con il Siena college.

In particolare, Biden è avanti di 9 punti in Minnesota (50%-41%), in Wisconsin di 5 (48%-43%), in Nevada di 4 (46%-42%), mentre in New Hampshire di 3 (45%-42%).

Governatore della California: cambiamento climatico è realtà

Il governatore della California Gavin Newsom ha dichiarato: “Venite in California e osservate con i vostri occhi, gli incendi che stanno devastando l’Ovest dimostrano che il dibattito sul cambiamento climatico è finito. Questa è una dannata emergenza climatica”.

Il governatore ha anche avvistato che se non si agisce subito ciò che sta succedendo nella costa occidentale accadrà presto anche nel resto del paese.

Altre notizie del 13 settembre

Sparatoria in California: gravi due vice sceriffi

A Compton, una cittadina a 25 chilometri a sud di Los Angeles, un cittadino ha aperto il fuoco contro l’auto di due vice sceriffi. I due stanno ora lottando tra la vita e la morte.

Il presidente Trump ha ritwittato il video della sparatoria. Ha affermato: “Animali che devono essere colpiti duramente”. Riferendosi a colui che ha sparato ai due vice sceriffi, ha detto che gliela farà pagare cara.

Ex allenatore del NFL critica Trump

L’ex allenatore dei Green Bay Pakers, Mike Holmgren, ha criticato il presidente Trump per la risposta alla pandemia da coronavirus, e ha espresso il suo sostegno per il candidato democratico Joe Biden.

Durante una conferenza stampa virtuale con Green Bay e il sindaco Eric Genrich, Holmgren ha dichiarato che ha intenzione di fare campagna per Joe Biden in Wisconsin. Ha infatti detto: “Non l’ho mai fatto prima. Non ho mai parlato prima di una campagna elettorale…Questa elezione è diversa. E’ la più diversa elezione di tutta la mia vita”.

In questa conferenza, l’ex allenatore ha parlato dell’impatto che il virus ha avuto sulla città e sulla squadra. Ha criticato aspramente il presidente Trump per la sua risposta alla pandemia. Ha infatti affermato che se il Presidente avesse agito prima e avesse frenato subito il coronavirus, questo avrebbe avuto effetti positivi sull’economia di Green Bay.

Trump in Nevada accusa i democratici di manipolare il voto

Il presidente Trump, durante un comizio elettorale tenutosi ieri era in Nevada, ha attaccato il governatore democratico Steve Sisolak e i leader dello Stato di utilizzare il voto per corrispondenza per manipolare le elezioni di novembre.

Durante la manifestazione a Minden, Nevada, il Presidente ha attaccato il governatore dicendo che ha cercato di impedirgli di fare campagna nel suo Stato. Ha infatti detto: “Conoscete il governatore del vostro Stato. Si è sforzato di impedirci di tenere qui il comizio questa sera. Ha cercato di fermarci”.

Trump ha inoltre affermato che Sisolak ha chiamato le sedi delle varie città del Nevada per chiedere di impedire i comizi.

Tuttavia il governatore, dall’inizio della pandemia, ha emanato un ordine che limita i raduni a 50 o meno partecipanti, al fine di arginare la diffusione del virus. Inoltre, il portavoce di Sisolak ha affermato di non avere ricevuto alcuna comunicazione da parte della campagna di Trump e che l’evento si è tenuto senza permesso e ha violato le linee guida della salute pubblica.

Il Segretario di Stato del Colorado minaccia di citare in giudizio il servizio postale

Il Segretario di Stato del Colorado, Jena Griswold, ha minacciato di citare in giudizio il servizio postale USA per i messaggi pre-elettorali inviati dall’agenzia a livello nazionale che potrebbero potenzialmente confondere gli elettori.

I messaggi includono informazioni generali sulle votazioni per corrispondenza, e incoraggiano gli elettori a richiedere le schede per posta e inviarle con ampio anticipo.

Tuttavia, il Colorado è uno dei cinque Stati che conduce le elezioni prevalentemente per posta, inviando schede a tutti gli elettori registrati senza che loro debbano richiederle.

La Griswold ha detto: “Ho appena scoperto che l’USPS sta inviando un messaggio agli elettori di richiedere la scheda elettorale 15 giorni prima delle elezioni, e restituirle per posta almeno sette giorni prima. Queste informazioni non sono solo confuse, ma anche sbagliate. In Colorado le schede vengono inviate automaticamente a tutti gli elettori registrati, senza fare alcuna richiesta”.

USA 2020: per Sanders Biden è troppo centrista

Si avvicinano le elezioni presidenziali di novembre, e in America si potrebbe ripetere lo stesso copione del 2016. Infatti, il senatore democratico “socialista” Bernie Sanders inizia ad attaccare il candidato democratico Joe Biden come aveva fatto con Hillary Clinton nel 2016. Questo potrebbe spingere i suoi sostenitori a non andare a votare, dando così un vantaggio a Trump.

Sanders ha affermato che Biden potrebbe fallire nelle elezioni di novembre perché ha un approccio troppo vago e centrista. Secondo lui, dovrebbe cercare di coinvolgere solo figure “liberal”.

Commenti