US Fertility sotto attacco hacker per un mese

US Fertility ha riferito di essere stata vittima di un attacco ransomware e che i dati dei pazienti potrebbero essere stati rubati

0
202
US Fertility sotto attacco

US Fertility, che ha 55 cliniche in tutto il paese, ha riferito di essere stata vittima di un attacco ransomware. Gli hacker potrebbero aver rubato nomi, indirizzi e in alcuni casi le informazioni sanitarie private e i numeri di previdenza sociale dei pazienti. La società ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che gli hacker “hanno acquisito un numero limitato di file” in un attacco ransomware il 14 settembre, risolto sei giorni dopo.

US Fertility sotto attacco hacker, cos’è successo?

US Fertility, una delle più grandi reti IT di centri per la fecondazione assistita in America, ha annunciato una violazione dei dati. Questa ha consentito agli hacker di accedere alle informazioni personali dei pazienti, inclusi indirizzi e numeri di previdenza sociale. L’attacco malware arriva solo quattro mesi dopo che la società ha avviato una partnership tra uno studio di fertilità e una società di investimento di private equity. USF ha affermato che a settembre “ha stabilito che i dati su una serie di server e workstation collegati al nostro dominio erano stati crittografati da ransomware” o un software dannoso che blocca l’accesso alle reti di computer o ai dati fino al pagamento del riscatto. Gli hacker “hanno acquisito un numero limitato di file” e potrebbero aver incluso cartelle cliniche, ha aggiunto la società.

La società ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che gli hacker “hanno acquisito un numero limitato di file” in un attacco ransomware il 14 settembre, risolto sei giorni dopo.  Inoltre che l’attacco potrebbe aver incluso dati sanitari privati ​​che potrebbero contenere le storie mediche del paziente, i risultati dei test o le cartelle cliniche. L’azienda non ha detto il numero di pazienti colpiti dall’attacco. Non è chiaro il motivo per cui la società abbia aspettato due mesi per rivelare l’attacco subito. La USF ha dichiarato: “L’indagine forense è ora conclusa e ha confermato che l’attore non autorizzato ha acquisito un numero limitato di file durante il periodo di accesso non autorizzato avvenuto tra il 12 agosto e il 14 settembre, quando è stato eseguito il ransomware”.

La risposta dell’azienda all’attacco hacker

In risposta all’attacco, l’azienda ha affermato di aver rafforzato il proprio firewall e di aver informato coloro i cui dati erano a rischio. Ha affermato: “Ci scusiamo sinceramente per questo incidente e restiamo impegnati a salvaguardare la privacy e la sicurezza delle informazioni a noi affidate. Non abbiamo prove di un effettivo uso improprio delle informazioni di alcun individuo a seguito di questo incidente”. Mark Segal, amministratore delegato di USF, ha affermato che la società ha preso sul serio la violazione. E inoltre si è impegnata a “proteggere la sicurezza e la riservatezza delle informazioni sanitarie che raccogliamo fornendo servizi alle persone”.

Dove si trova la US Fertility

US Fertility conta più di 55 sedi in 10 stati e tramite la fecondazione in vitro ha portato alla nascita oltre 130 mila bambini. L’azienda ha sedi a New York City, Florida, Georgia, Pennsylvania, Illinois, Alabama, Nevada, Missouri, California, North Carolina, Washington e Virginia


Leggi anche: L’FBI indaga sull’attacco hacker a Twitter

Commenti