Uragani apocalittici e distruttivi: Dove nascono oggi?

Uragani apocalittici del 2020

0
269
Uragani apocalittici

Uragani apocalittici e distruttivi. Fanno sempre più paura. Tutti i cicloni tropicali traggono la loro vandalica forza dal calore dell’oceano. Non sempre la loro nascita si ricollega a questo. Alcuni di loro prendono vita grazie a deserti a migliaia di chilometri di distanza. Da tempo i climatologi sono convinti che la febbre del pianeta accresca la potenza dei cicloni.

Uragani apocalittici e distruttivi

Uragani apocalittici e distruttivi. Sono presenti tutt’oggi e fanno sempre più paura. Ma dove traggono la loro funesta forza? Tutti i cicloni tropicali ricavano la loro potenza vandalica dal calore dell’oceano. Traendo gradatamente potenza colpisce la superficie recando severe condizioni metereologiche. Non sempre questi enormi mostri nascono nello stesso luogo. Molti ricollegano la loro origine da deserti a migliaia di chilometri di distanza. Da tempo la maggior parte dei climatologi sono sicuri che la febbre del pianeta accresca la potenza dei cicloni.

La fisica di base afferma che: maggiormente la superficie degli oceano si scalda, più aumenta l’umidità nell’aria. In tal modo l’energia ed il vapore acqueo che si addensano nell’atmosfera, debbono trovare un punto di eruzione. Il riscaldamento globale sta producendo il 90% del calore, che gli oceano stanno assorbendo. I cicloni di questo passo avranno costantemente un libero accesso sulla terra. Il continuo innalzamento della temperatura rischia di provocare inondazioni.

Jane Higgins residente di St. Thomas

“Se sei mai stato in un incidente d’auto e ricordi lo stridio dei freni, l’impatto del raschiare metallico, la rottura del vetro, il gemito di oggetti che si frantumano”. Le parole di Jane Higgins, dalla sua casa nelle Isole Vergini Americane. “Questo è solo un titbit di quello che Irma sembrava”. Jane Higgins residente di St Thomas ha visto la sua isola caraibica devastata dal potente uragano di categoria 5 nel 2017. Solo pochi giorni a seguire l’uragano Irma si è presentano nuovamente. I danni causati sono spaventosi, lo ha reso il più costoso uragano che lo stato abbia mai sperimentato. Il quinto più oneroso nella storia degli Stati Uniti.

Le origini della tempesta sono graduali, rintracciate a più di 5.955 km dall’est della Florida. Una settimana prima avvistata come una semplice massa sopra l’arcipelago di Capo Verde al largo delle coste dell’Africa occidentale. Allontanandosi dalla parte dell’Atlantico si trasforma in una tempesta tropicale. Divenendo successivamente un terribile e catastrofico uragano.


Quale il legame riscaldamento globale e gli uragani?


L’83% delle principali categorie di uragani che colpiscono il Nord America condividono lo stesso luogo di nascita di Irma. Cosa c’è nelle tempeste che emergono da qui che le rendono così devastanti? E’ possibile essere anticipatamente aggiornati in modo dare alle persone più tempo?. “Il monitoraggio degli uragani dalla zona di formazione di Capo Verde dà a me e ad altri caraibi un sacco di tempo per trasmettere avvisi di preparazione”. Pronuncia Higgins. Confidando di essere in grado di riconoscere i segnali di allarme precoce grazie a venticinque anni di vita sull’isola.

Uragani apocalittici del 2020

L’Atlantico solitamente vede la presenza di sei uragani l’anno. Ma nel 2020 già sono avvenuti nove uragani e venticinque tempeste tropicali. Tra questi, comprese le due tempeste più potenti Laura e Teddy sono ricondotti all’Africa. Anch’essi iniziati come perturbazioni alte nell’atmosfera. Il deserto del Sahara e la regione semi-arida del Sahel a sud sono gli artefici. La maggior parte delle ricerche eseguite testimoniano che il 72% delle tempeste tropicali nell’Atlantico sono legate alle onde orientali africane.


Meteo – Evento meteorologico raro sul mediterraneo: rischi per l’Italia


Le diverse tipologie di venti alimentano i cicloni tropicali creando stratificazioni di temperature. Queste arrivano ad estendersi per migliaia di chilometri. Sono associati a sistemi meteorologici specifici o semplicemente parte a generazioni di venti che viaggiano in tutto il mondo. Questo spiega la quantità di tempeste denominate che si sono sviluppate nel 2020. E’ anche vero che i forti venti secchi provenienti dal Sahara, possono smorzare la potenza delle tempeste e oltretutto influenzare la loro direzione.

Emily Bercos-Hickey componente della Lawrence Berkeley National Laboratory in California ci comunica che: ”Le prove finora dimostrano che le tempeste di polvere sul Nord Africa influenzano il riscaldamento dell’atmosfera sulla regione – e questo a volte può dare energia alle onde pasquali africane”. Tra le ultime testimonianza di Jane Higgins dalla sua casa di St Thomas: ”Mi sento fortunata, ho un tetto”. 

Uragani apocalittici – Irma 2017
Commenti