Uova di Pasqua imperiali alla mostra “Fabergé in London”

0
201
Fabergé in London

Il Victoria and Albert Museum presenterà la mostra Fabergé in London che si concentrerà sul rapporto di Carl Fabergé con Londra. Si concluderà con tre delle sue leggendarie uova di Pasqua imperiali che saranno esposte per la prima volta nel Regno Unito.

Cosa si potrà vedere alla mostra Fabergé in London?

Le tre uova di Pasqua ingioiellate saranno tra i 200 oggetti della mostra intitolata “Fabergé in London: Romance to Revolution”, che racconterà la storia di Carl Fabergé, l’uomo e della sua azienda riconosciuta a livello internazionale che simboleggiava l’artigianato e l’eleganza russi – un associazione ulteriormente rafforzata dal suo legame con il romanticismo, il fascino e la tragedia della famiglia imperiale russa. La mostra londinese aprirà al pubblico il 20 novembre e durerà fino all’8 maggio 2022.

Le uova di Pasqua imperiali

Le tre uova di Pasqua imperiali, mai esposte nel Regno Unito, saranno presentate nella terza e ultima sezione della mostra. Includono il più grande uovo imperiale, l’uovo del Cremlino di Mosca, ispirato all’architettura della Cattedrale della Dormizione, in prestito dai Musei del Cremlino di Mosca; l’Alexander Palace Egg, con i ritratti ad acquerello dei figli di Nicola II e dell’imperatrice Alexandra e contenente un modello a sorpresa del palazzo all’interno; e il Tercentenary Egg, creato per celebrare i 300 anni della dinastia Romanov, solo pochi anni prima che la dinastia si sgretolasse. Altre uova Fabergé che saranno presentate includono il Basket of Flowers Egg dell’Imperatrice Alexandra Feodorovna, in prestito dal British Royal Collection Trust.

La tiara

La mostra includerà almeno una tiara, che sarà esposta nella seconda sezione della mostra, dedicata alla padronanza delle tecniche e dei dettagli intricati che sono diventati sinonimo di Carl Fabergé e della sua azienda. Descritta dal V&A Museum come una “bellezza abbagliante”, la tiara di acquamarina e diamanti era un “pegno d’amore” da Federico Francesco IV, Granduca di Meclemburgo-Schwerin, alla sua sposa, la Principessa Alexandra di Hannover e Cumberland, il giorno del loro matrimonio. Questa sezione presenterà anche l’unico esempio noto di servizio di placca d’oro massiccio realizzato dalla filiale Fabergé di Mosca.

Fabergé a Londra

Gran parte della mostra esplorerà la natura anglo-russa poco conosciuta dell’impresa di Carl Fabergé con la sua unica filiale al di fuori della Russia che viene aperta a Londra nel 1903. Reali, aristocratici, ereditiere americane, granduchi russi in esilio, maharaja, ricchi finanzieri e socialite si accalcarono lì per comprare regali di lusso senza pari gli uni per gli altri. Le opere di Fabergé erano tanto popolari in Gran Bretagna quanto in Russia, secondo i curatori della mostra del V&A Museum, Kieran McCarthy e Hanne Faurby. La prima sezione principale della mostra evidenzia l’importante mecenatismo della famiglia Romanov. Una miniatura dell’Imperial Regalia, prestata dal Museo dell’Ermitage, realizzata per l’Esposizione Universale di Parigi del 1900, cattura il ruolo di Carl Fabergé come orafo ufficiale della famiglia imperiale. I suoi membri si scambiavano spesso regali intimi di Fabergé, e questo sarà esplorato attraverso oggetti decorati su misura, tra cui fiori fatti di cristallo di rocca, oro e diamanti con taglio a rosa e squisiti ritratti di famiglia in miniatura. Questa sezione toccherà anche la giovinezza di Carl Fabergé, i suoi viaggi in tutta Europa e l’ingresso nell’azienda di famiglia.

Le opere di Alma Pihl

Lo spirito educativo di Fabergé sarà mostrato nel lavoro di una delle sue più note stiliste, Alma Pihl. Saranno esposte alcune delle sue opere più innovative e durature, tra cui un ciondolo “cristallo di ghiaccio” realizzato con cristallo di rocca, diamanti e platino. La seconda sezione racconterà la storia del tempo di Fabergé a Londra, incluso il modo in cui l’azienda è fiorita sotto il patrocinio reale e come le sue creazioni sono diventate una valuta sociale per donazioni e ostentate manifestazioni di ricchezza, tra l’élite cosmopolita che si è riunita in città.


Uova di Pasqua per adulti: quale scegliere


Il successo di Fabergé all’Esposizione di Parigi del 1900 ha chiarito che il leggendario orafo russo avrebbe avuto una base di clienti al di fuori della Russia. La scelta di Londra di Fabergé per la sua nuova sede è stata in parte dovuta al fatto che era la capitale finanziaria del mondo, una destinazione del retail di lusso in grado di attirare una clientela ricca e internazionale. Era anche la casa di Edoardo VII e della regina Alexandra che erano già avidi collezionisti Fabergé, il che rende molto probabile il mecenatismo reale a Londra. Mentre la rivoluzione russa e la prima guerra mondiale hanno cambiato irrevocabilmente l’ordine sociale in Russia e in Europa, il gusto per Fabergé è sopravvissuto, soprattutto a Londra, dove le opere dell’azienda continuano ad essere apprezzate.

Commenti