Uomo sequestra i figli e minaccia di uccidere i due figli piccoli a Ardea

0
298
Uomo sequestra

Uomo sequestra i figli, una bimba di 2 mesi e un bimbo di 2 anni, e minaccia di ucciderli barricandosi in casa a Ardea.

Il fatto, stando a quanto si apprende, è avvenuto ieri sera intorno alle 22 in via Monti di Santa Lucia ad Ardea uomo sequestra i figli e minaccia di ucciderli. Il protagonista dell’episodio è un romano di 43 anni che si trova agli arresti domiciliari. Secondo le prime ricostruzioni, avrebbe litigato con la moglie e, dopo averla costretta a uscire dall’appartamento, si è barricato dentro e ha minacciato di uccidere i due figli.

Un uomo si barrica in casa con i suoi due figli, una bimba di appena 2 mesi e un bambino di 2 anni, e minaccia di ucciderli. Al termine di lunghe trattative con i carabinieri, si arrende e apre loro le porte dell’appartamento. Arrestato, dovrà rispondere delle accuse di minacce aggravate, resistenza a pubblico ufficiale e sequestro di persona. Entrambi i piccoli sono in buone condizioni di salute, fortunatamente.

Trovato morto 82enne nel Parco del Pineto a Roma: era scomparso venerdì

Grave incidente in via Borghesiana Roma

I fatti avvenuti ieri sera ad Ardea

Il fatto, stando a quanto si apprende, è avvenuto ieri sera intorno alle 22 in via Monti di Santa Lucia ad Ardea. Il protagonista dell’episodio è un romano di 43 anni che si trovava agli arresti domiciliari. Secondo le prime ricostruzioni, avrebbe litigato con la moglie e, dopo averla costretta a uscire dall’appartamento, si è barricato dentro e ha minacciato di uccidere i due figli. Per questo la signora ha chiamato il 112 e i sanitari del 118.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Anzio, stazione di Marina di Tor San Lorenzo. Una volta arrivati hanno visto, dalle finestre dell’abitazione, l’uomo con in braccio la figlia e un coltello da macellaio stretto tra le mani. I militari ci hanno messo un’ora e mezza per convincere l’uomo ad aprire la porta dell’appartamento. Durante il dialogo tra i carabinieri e il 43enne non sono mancati momenti difficili: per esempio l’uomo a un certo punto ha aperto la finestra e ha lanciato alcuni coltelli verso i militari.

Come detto, alla fine ha deciso di arrendersi. L’intervento dei sanitari del 118 si è fortunatamente rivelato inutile, perché tutti sono rimasti illesi: i carabinieri, il 43enne, ma anche i due bambini sequestrati per un’ora e mezza all’interno dell’appartamento. Liberati, sono stati affidati alle cure della loro mamma. L’uomo, come anticipato, è stato arrestato.