Ungheria: giornalisti accusano governo di censura della pandemia

In una lettera aperta, i giornalisti affermano che i funzionari stanno rendendo impossibile documentare l’epidemia nel Paese

0
488
Elezioni in Ungheria: vince ancora Orban

In Ungheria la pandemia di coronavirus sta dilagando. Nelle ultime 24 ore il Paese ha registrato il numero più alto di morti dall’inizio della pandemia. Tuttavia il governo del premier Orban ha affermato che la situazione è sotto controllo. I giornalisti in Ungheria accusano il governo di censurare la vera entità della pandemia. Gli esperti affermano che questo potrebbe ritardare l’informazione delle persone e costare molte vite umane.  

Ungheria: i giornalisti accusano il governo Orban?

In giornalisti ungheresi hanno accusato il governo di mettere a rischio le vite umane impedendo ai media di coprire l’intera portata di quella che è l’epidemia di covid-19 più mortale al mondo. In una lettera aperta pubblicata dalla maggior parte delle agenzie di stampa indipendenti nel Paese, i giornalisti hanno affermato di essere stati bloccati dagli ospedali, ed è stato impedito loro di parlare con i medici. I giornalisti sottolineano che questo ha reso impossibile allertare il pubblico sulla crisi in atto.

Nella lettera si legge: “Medici e infermieri non sono liberi di parlare al pubblico, mentre i giornalisti non sono ammessi negli ospedali, quindi non possiamo valutare cosa succede lì. Il Consiglio d’Europa ha dichiarato martedì che i lavoratori dei media ungheresi hanno dovuto affrontare crescenti problemi a causa della pandemia. Il governo ha respinto quelle osservazioni come basate su presunzioni e accuse”. Il portavoce del governo Zoltan Kovacsha accusato i media di sinistra di diffondere “fake news” per mettere in imbarazzo il sistema sanitario del Paese.

In Ungheria dilaga la pandemia

L’Ungheria nelle ultime 24 ore ha riportato 302 morti per il coronavirus, il numero più alto dall’inizio della pandemia. Secondo quanto riferito da Reuters, i medici, che hanno parlato in condizione di anonimato, hanno riferito che gli ospedali ungheresi sono invasi da pazienti affetti da coronavirus. Tuttavia, nonostante l’allarme lanciato dai medici, il governo del premier Viktor Orban continua a negare che vi sia in atto una crisi. Inoltre i media statali descrivono la situazione come sotto controllo. Orban afferma che mira a riaprire l’economia grazie ai vaccini provenienti dall Russia e dalla Cina. Ma molti esperti affermano che l’effetto delle vaccinazioni sarà vanificato senza applicare delle restrizioni.

I medici hanno anche lanciato l’allarme secondo cui una copertura giornalistica che non riesce a mostrare l’entità della crisi potrebbe peggiorarla. Janos Szijjarto, presidente dell’associazione dei medici di Gyor, ha scritto su Facebook: “Avverto tutte le forze politiche e i loro media che l’informazione unilaterale, la censura ritarda il riconoscimento dei difetti dell’assistenza sanitaria. Questo potrebbe costare vite”.


Orban e la libertà di stampa in Ungheria