Una Ducati elettrica? No, grazie, stiamo bene così

La casa bolognese non produrrà una moto a batteria nel breve termine

0
364
ducati fbi lamborghini elettrica

Se siete appassionati della moto elettrica, sappiate che per vedere una Ducati a batteria dovrete aspettare ancora. Lo conferma Francesco Milicia, VP Global Sales e After sales della casa bolognese, che in un’intervista alla rivista britannica MCN ha escluso questa possibilità nel breve termine. Secondo Milicia, i tempi non sono maturi per realizzare una moto a batteria che sia godibile quanto quella a pistoni. Inoltre, il brand bolognese vuole mantenere la sua identità, senza entrare in competizione con marchi generalisti asiatici. Il motore a combustione, con la distribuzione desmodromica, farà ancora parte della gamma futura, adeguandosi alle normative sulle emissioni.


Lamborghini Ducati: insieme per fare la…staffetta!


Ducati, c’è una strategia oltre la moto elettrica?

La casa di Borgo Panigale si sta guardando attorno in un mercato che sta cambiando la sua fisionomia, con l’ingresso di nuovi competitor ed il cambio di preferenze dei clienti. Ma Milicia ribadisce che Ducati “non vuole entrare in lotta con produttori economici“. Affrontando più nello specifico il tema dell’elettrico, Milicia ammette che la casa ci sta pensando. “Attirare i clienti più giovani è importante“, ha detto, “ Anche per questo stiamo lavorando sull’elettrico, e inoltre facciamo parte di un gruppo che sta andando velocemente verso l’elettrificazione. Questa è una buona opportunità per la Ducati, ma non produrremo presto una moto elettrica. Pensiamo che per il tipo di modelli che produciamo ora, una moto elettrica non possa garantire il piacere, l’autonomia, la guidabilità che i centauri Ducati si aspettano“. Insomma, lo stesso spauracchio della Porsche. Checché ne dicano teslari e altri aficionados, un veicolo elettrico non divertirà mai quanto uno a pistoni, e c’è un po’ di ritrosia a volerlo mollare in un settore dove il piacere di guida è al primo posto. Quindi, tanto vale tentare una strada alternativa.

Ipotesi e-fuel

Proprio la Porsche, che fa parte come Ducati del mega Gruppo Audi-Volkswagen, sta sviluppando la tecnologia degli e-fuel. A Borgo Panigale stanno seguendo l’evoluzione del progetto con interesse. “stiamo anche esaminando attentamente altre soluzioni per emissioni più contenute, come il carburante sintetico“, ha ammesso Milicia. “Altri marchi del nostro gruppo, come Porsche, ci stanno pensando, ed è qualcosa che stiamo guardando a medio termine“. La casa di Weissach, in collaborazione con ExxonMobil, vuole avviare entro il 2024 una produzione di 55 milioni di litri in Cile. Il combustibile, ricavato da fonti rinnovabili come l’idrogeno, promette emissioni globali al pari dell’elettrico. Non sappiamo se funzionerà, intanto la ricerca va avanti. E Ducati butta un’occhio, anche per decidere quale sarà il suo futuro.


Porsche, carburanti sintetici fatti in casa