Un Watchdog sostiene che la campagna di Trump abbia nascosto illegalmente 170 milioni di dollari

Un Watchdog ha presentato una denuncia al Comitato Elettorale Federale (FEC), sostenendo che la campagna di Trump abbia riciclato 170 milioni di dollari.

0
165
Watchdog
Il presidente Donald Trump.

Un Watchdog ha presentato una denuncia al Comitato Elettorale Federale. Egli sostiene infatti che la campagna di rielezione del presidente Trump abbia infranto la legge, riciclando 170 milioni di dollari. La campagna lo avrebbe fatto nel tentativo di nascondere i pagamenti vicini alla famiglia del Presidente.

Il Watchdog e i 170 milioni della campagna di Trump

Il Campaign Legal Center (CLC) ha presentato un reclamo di 81 pagine. In questo si afferma che l’ex responsabile della campagna di Trump, Brad Parscale ha utilizzato un’azienda “pass-through”. Parscale avrebbe utilizzato l’azienda per pagare i fornitori, compresi membri della campagna, soci e famigliari.

Il direttore della riforma federale della CLC, Brendan Fischer, ha dichiarato: “Questo schema di condotti illegali lascia gli elettori nell’oscurità delle entità che lavorano per la campagna di Trump. Non sappiamo tutto ciò che viene nascosto da questo schema, ma sappiamo che viola la legge”.

Il CLC ha allora chiesto alla FEC di indagare sulla società American Made Media Holding Corporation (AMMHC). Questa sarebbe appunto la società che la campagna di Trump utilizza per nascondere i pagamenti.

La denuncia del CLC e le dichiarazioni della campagna Trump

La denuncia del CLC sostiene inoltre che la campagna del Presidente abbia nascosto 170 milioni di dollari attraverso la AMMHC, per pagamenti indirizzati a società di consulenza politica o persone che non hanno registrato i pagamenti presso la FEC. Nella denuncia è scritto: “Le aziende fungono da condotto per ricevere milioni di pagamenti dalla campagna Trump, per poi erogare fondi ai fornitori di tale campagna. Si nascondono quindi le transizioni della campagna con quei fornitori. Inoltre, la campagna di Trump e il comitato Trump MAGA hanno violato e continuato a violare i requisiti di trasparenza della legge federale sui finanziamenti”.

La campagna del presidente Trump ha però dichiarato di non aver fatto nulla di male. Il portavoce, Tim Murtaugh, ha affermato: “La campagna è conforme a tutte le leggi sul finanziamento e alle normative FEC. Inoltre, la campagna riporta tutti i pagamenti alla AMMHC come richiesto dalla FEC”.

Tuttavia, anche alcuni repubblicani hanno criticato Parscale per aver appaltato il lavoro della campagna di Trump alle sue aziende e ai suoi clienti. Parscale è poi stato retrocesso, nonostante la campagna continui a difendere le sue spese.


Leggi anche: Trump contro la Reagan Foundation

Commenti