Un nuovo mega contratto dell’Ue con Pfizer-BioNTech

0
283
contratto dell'Ue con Pfizer

Nuovo contratto dell’Ue: i laboratori BioNTech e Pfizer aumenteranno le consegne del loro vaccino Covid-19 di 50 milioni di dosi nel secondo trimestre. Ad annunciarlo questo pomeriggio è il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Questa consegna di dosi aggiuntive era inizialmente prevista per il quarto trimestre, ma inizierà ad aprile. Il numero totale di dosi erogate dovrebbe raggiungere i 250 milioni in tre mesi. Un sospiro di sollievo per i 27 Stati membri, impegnati in campagne di vaccinazione a lungo termine.

Un spiraglio di luce?

Nella giornata di ieri, il laboratorio Janssen (del gruppo Johnson & Johnson) aveva infatti deciso di ritardare la diffusione del suo vaccino monodose in Europa, a causa delle indagini sui casi di trombosi condotte dalle autorità sanitarie americane e Europee. Nel secondo trimestre erano previste in Europa circa 55 milioni di dosi di questo vaccino. 


Stati avanzati di follia: combinazione di vaccini


Una corsa contro il tempo

In questo modo l’ha definita Ursula von der Leyen durante la conferenza stampa. Inoltre, il Presidente della Commissione Europea ha confermato l’esistenza di trattative tra Unione europea e Pfizer-BioNTech, relative a un futuro contratto di 1,8 miliardi di dosi della prossima versione del vaccino contro le varianti, sul periodo 2022-2023. Si tratta di vaccini, le cui consegne andranno ad aggiungersi ai 2,6 miliardi di dosi già ordinate dall’Unione europea e che dovranno essere consegnate ai “27” tra quest’anno e l’anno prossimo. Ursula von der Leyen ha anche assicurato che “seguiranno altri contratti con altri gruppi”.


Tutto sugli Eurovision 2021


Commenti