Un diamante è per sempre soprattutto se è enorme!

Rinvenuto in Botswana un diamante che per dimensione è il terzo più grande trovato sino ad oggi

0
778
Un diamante

Un diamante è una delle tante forme in cui si può trovare il carbonio. Quest’ultimo ci mette 5 milioni di anni a trasformarsi nella pietra più preziosa che esista. Da pochi giorni in Botswana, la compagnia Debswana ha rinvenuto il prezioso minerale. Come ha stabilito la compagnia diamantifera si tratta del terzo diamante grezzo per grandezza trovato sino ad ora: 1.098 carati. La gemma più grande è la pietra Cullinan, ritrovata nel 1905, di 3.106 carati. La seconda in ordine di grandezza è la Lesedi La Rona da 1.109 carati, rinvenuta sempre in Botswana nel 2015 dalla Lucara Diamonds.

Quanto vale il diamante ritrovato?

Al momento non ci sono stime ufficiali del valore del diamante grezzo ritrovato nel Paese africano. Certamente si può ragionare sul valore di mercato che potrà assumere. L’ultimo grande diamante venduto intero è il Lesedi La Rona, di poco più grande. La pietra in questione, al momento la più grande del nostro secolo, nel 2016 è battuta all’asta da Sotheby’s partendo da una base di 70 milioni di dollari. Restò invenduta. In seguito la Graff Diamons se la aggiudicò per 53 milioni di dollari. Il prezzo non dipende solo dai carati. Infatti il prezzo di vendita del Lesedi La Rona è inferiore al prezzo di un altro famoso diamante, il Costellatium, 870 carati, venduto a 63 milioni di dollari. Pertanto i fattori determinanti oltre i carati sono la brillantezza e il calcolo dei rischi di frattura durante il taglio. Parodossalmente, più è grande più è difficile modellare la gemma.

A chi appartiene la gemma rinvenuta?

La società che ha estratto il diamante da 1.098 carati è la Debswana. Questa compagnia è formata in parti uguali dalla De Beers, colosso nel campo dei diamanti e il governo del Botswana. Lynette Armstrong, amministratore delegato della compagnia diamantifera ha già presentato la gemma al presidente del Botswana, Mokgweetsi Masisi. La signora Armstrong si è detta felice del ritrovamento di una pietra di queste dimensioni, poichè è la prima, in 50 anni, trovata dalla Debswana. La gemma trovata non ha ancora un nome. Però, quello che si sa sono le sue misure: 73 mm di lunghezza per 52 mm di larghezza e 27 mm di spessore. Ovviamente alla Debswana sono tutti lieti del ritrovamento. Nell’ultimo anno le vendite dei diamanti sono diminuite del 30% e quindi la produzione ha rallentato di parecchio.


Talibé: la pandemia mette in luce una realtà che fa male


L’Africa e i diamanti

La pandemia ha toccato tutti i comparti dell’economia. Anche il settore d’estrazione di diamanti spera che la seconda metà del 2021 sia di ripresa. La vendita di un esemplare come quelllo rinvenuto in Botswana, sarà un’opportunità per il governo africano. In effetti, lo Stato africano incassa l’80% dalle vendite dei preziosi della Debswana. La compagnia dove lo Stato africano è comproprietario inaugurò nel 1971 la miniera di Orapa, che produce 11 milioni di carati all’anno. Ma non è il Botswana il paese leader in questo campo. Sono diversi in Africa i Paesi che posseggono giacimenti diamantiferi. Metà dei diamanti presenti al mondo provengono dal continente nero. Pertanto in Sudafrica, Angola, Sierra Leone, Liberia, Botswana,Tanzania, Congo e Zimbabwe, si estraggono diamanti, ma i più grandi estrattori sono il Sudafrica e il Congo.