Ultime notizie sul confitto: Russia-Ucraina

0
322

Dalle ultime informazioni, l’ONU prevede la terza evacuazione dalle acciaierie di Azovstal mentre la battaglia continua a infuriare. L’Ucraina afferma che i bombardamenti russi hanno distrutto o danneggiato 400 ospedali e centri medici. Mentre Mosca si precipita a dichiarare la vittoria a Mariupol.

Ultime informative sulla situazione tra Russia-Ucraina

Una terza operazione delle Nazioni Unite era in corso venerdì mattina per evacuare i civili ucraini dall’acciaieria Azovstal assediata dalla Russia a Mariupol. Il segretario generale delle Nazioni Unite ha descritto come una serie di “paesaggi inferli”. Si stima che 200 civili, insieme ai combattenti della resistenza ucraina, siano rimasti intrappolati in rifugi sotterranei nell’enorme complesso industriale. Il capo umanitario delle Nazioni Unite, Martin Griffiths, ha detto che un convoglio era diretto ad Azovstal “per ricevere quei civili rimasti in quel desolato inferno … e riportarli in salvo”. Il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk ha detto che le persone sarebbero state evacuate da Mariupol venerdì a mezzogiorno ora locale. L’ONU e la Croce Rossa dichiarano di aver finora aiutato quasi 500 civili. Per fuggire dall’area dell’acciaieria nella città portuale meridionale durante due operazioni la scorsa settimana.

Kharkiv cataloga il bilancio della guerra sulle ultime gemme architettoniche

È arrivato quando il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha affermato che l’invasione russa ha devastato centinaia di ospedali. E altre istituzioni mediche e ha lasciato i medici senza farmaci per affrontare il cancro o la capacità di eseguire un intervento chirurgico. Zelenskiy ha detto che nell’Ucraina orientale e meridionale, i principali campi di battaglia, molti luoghi mancavano persino di antibiotici di base. “Se si considerano solo le infrastrutture mediche, ad oggi le truppe russe hanno distrutto o danneggiato quasi 400 istituzioni sanitarie: ospedali, reparti di maternità, ambulatori”, ha detto Zelenskiy in un discorso video a un gruppo di beneficenza medica.

Nelle aree occupate dalle forze russe la situazione è stata catastrofica

“Ciò equivale a una completa mancanza di farmaci per i malati di cancro. Significa difficoltà estreme o una completa mancanza di insulina per il diabete. È impossibile eseguire un intervento chirurgico. Significa anche, molto semplicemente, una mancanza di antibiotici”, afferma Zelenskiy. La Russia ha scatenato sbarramenti di artiglieria pesante contro molteplici posizioni ucraine nel sud e nell’est del paese. Con l’avvicinarsi del Giorno della Vittoria, il 9 maggio, in Russia, si pensa che Vladimir Putin voglia presentare l’occupazione di Mariupol per la propaganda in patria. I soldati ucraini hanno detto che i combattimenti hanno continuato a infuriare, con le forze russe che hanno fatto un’ultima spinta per entrare nelle acciaierie e sottomettere gli ultimi difensori della città.

Ucraina: timori in vista del Giorno della Vittoria della Russia il 9 maggio

Funzionari e propagandisti del Cremlino si sono riversati a Mariupol

Prima del Giorno della Vittoria con squadre di pulizia che hanno ripulito macerie e statue patriottiche in Russia in costruzione. L’intelligence ucraina ha detto che la Russia stava progettando di tenere parte della sua parata chiave in città. “Mariupol, secondo i piani [della Russia], dovrebbe diventare il centro delle “celebrazioni”, ha detto l’agenzia di intelligence della difesa ucraina. “A tal fine, la città sta pulendo urgentemente le strade centrali da macerie, corpi di munizioni russe morte e inesplose”.

Il presidente russo ha proclamato la vittoria nella più ampia Mariupol il 21 aprile

E ha ordinato la sigillatura dell’acciaieria. Il Cremlino ha detto che Putin aveva chiesto ai combattenti ucraini in Azovstal di arrendersi in cambio di un passaggio sicuro dei civili. Un combattente ucraino che si è detto rintanato ad Azovstal ha accusato le forze russe di aver violato le difese dell’impianto per il terzo giorno nonostante l’impegno di Mosca di sospendere l’attività militare per consentire l’evacuazione civile.

Le ultime ostinate difese dell’Azovstal da parte dell’Ucraina

Sottolineato il fallimento della Russia nel prendere le principali città in una guerra di 10 settimane che ha unito le potenze occidentali nell’armare Kiev e punire Mosca con sanzioni. “Sono in corso combattimenti pesanti e sanguinosi”, ha detto il capitano Sviatoslav Palamar del reggimento Azov in Ucraina. “Ancora una volta, i russi non hanno mantenuto la promessa di un cessate il fuoco”. Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente il suo account o la sua posizione. Il portavoce ufficiale del Cremlino, Dmitry Peskov, ha ribadito l’affermazione secondo cui Putin aveva ordinato ai suoi militari di non prendere d’assalto l’impianto.

Ultime notizie in chiave:

  • È “improbabile” che l’Ucraina sia in grado di lanciare una controffensiva prima di metà giugno, quando spera di aver ricevuto più armi dai suoi alleati, ha detto un consigliere di Zelenskiy. Oleksiy Arestovych ha aggiunto che non si aspettava che l’offensiva russa in Ucraina producesse “risultati significativi” entro il 9 maggio.
  • Gli Stati Uniti hanno detto di aver condiviso informazioni con l’Ucraina sulla posizione dell’incrociatore missilistico russo Moskva prima dell’attacco che ha affondato la nave da guerra, ma hanno detto che la decisione di attaccare è stata presa dagli ucraini.
  • Il dipartimento della difesa degli Stati Uniti ha anche negato di fornire informazioni sulle posizioni dei generali russi sul campo di battaglia in modo che le forze ucraine potessero ucciderli.
  • I paesi dell’Unione europea sono “quasi lì” nell’accordo sul nuovo pacchetto di sanzioni proposto dal blocco contro la Russia, incluso un embargo petrolifero, ha detto giovedì il capo della politica estera del blocco Josep Borrell.
  • Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha esortato il mondo a unirsi e porre fine alla guerra in Ucraina, definendolo insensato, spietato e “illimitato nel suo potenziale di danno globale”. L’alto funzionario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha affermato che anche un cessate il fuoco di un giorno impedirebbe dozzine di morti civili.