UE: raggiunto accordo su embargo al petrolio russo

0
359
La Russia minaccia la chiusura di petrolio e gas

I leader dell’UE hanno raggiunto un accordo sull’embargo al petrolio russo. L’accordo prevede di tagliare il 90% delle importazioni di petrolio dalla Russia entro la fine di quest’anno. L’UE ha anche concordato nuove sanzioni contro la Russia.

L’UE ha raggiunto accordo su embargo al petrolio russo?

I leader dell’Unione europea hanno raggiunto un accordo sull’embargo al petrolio russo. Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha annunciato che l’accordo prevede di vietare la maggior parte delle importazioni di petrolio russo entro la fine dell’anno. “Raggiunto l’accordo per vietare l’esportazione di petrolio russo nell’UE. Copre immediatamente i 2/3 delle importazioni di petrolio dalla Russia, tagliando un’enorme fonte di finanziamento per la sua macchina da guerra. Massima pressione sulla Russia per porre fine alla guerra”, ha affermato Michel. Il presidente del Consiglio europeo ha poi sottolineato che l’embargo riguarda il petrolio russo portato vie mare, consentendo un’esenzione temporanea per le importazioni consegnate tramite oleodotto. L’esenzione al petrolio via oleodotto è stata chiesta dall’Ungheria, che altrimenti avrebbe votato NO all’embargo del petrolio russo. Secondo il premier ungherese, Viktor Orban, infatti, un embargo totale del petrolio russo distruggerebbe l’economia del suo paese. Dopo aver raggiunto il compromesso Orban ha esultato. “È stata raggiunto l’accordo. L’Ungheria è esente dall’embargo petrolifero”, ha detto il premier ungherese.  

Le altre sanzioni

Il vertice ha anche portato il sostegno politico a un pacchetto di prestiti dell’UE del valore di 9 miliardi di euro, per sostenete l’economia dell’Ucraina dilaniata dalla guerra. I leader hanno anche sostenuto la creazione di un fondo internazionale per ricostruire l’Ucraina dopo la guerra, con dettagli da decidere in seguito. Il nuovo pacchetto di sanzioni include anche l’esclusione dal sistema SWIFT della più grande banca russa Sberbank, il congelamento di beni e il divieto di viaggio per le persone responsabili dei crimini di guerra in Ucraina e il divieto a tre emittenti russe di distribuire i loro contenuti nell’UE.  


Leggi anche: La Serbia stringe un accordo sul gas con la Russia