UE propone un tribunale speciale per processare i crimini russi

0
224
UE propone un tribunale speciale per processare i crimini russi

L’UE propone di istituire un tribunale speciale per processare i crimini russi commessi in Ucraina.  Kyiv ha accolto con favore l’idea.

UE propone di istituire un tribunale speciale per processare i crimini russi

Il presidente della commissione europea Ursula von der Leyen ha proposto la creazione di un tribunale speciale per processare gli alti funzionari russi per i crimini di guerra commessi in Ucraina. “Pur continuando a sostenere la Corte penale internazionale, proponiamo di istituire un tribunale specializzato sostenuto dalle Nazioni Unite per indagare e perseguire il crimine di aggressione della Russia”, ha affermato von der Leyen. Il capo dello staff del presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accolto con favore l’idea.

Ostacoli legali e politici

Il problema principale è che la Corte penale internazionale non ha giurisdizione sui crimini della Russia perché Mosca non è firmataria del trattato della corte. Quel tribunale può quindi giudicare solo casi specifici di crimini di guerra e crimini contro l’umanità perpetrati in Ucraina, ma anche in questo il presidente russo Vladimir Putin e in primo ministro e ministro degli Esteri godono dell’immunità dall’accusa mentre sono in carica. L’unico modo in cui la Corte penale internazionale può essere chiamata a giudicare la guerra della Russia è attraverso una decisione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, qualcosa che è impossibile perché la Russia, con il suo seggio permanente nel consiglio, porrebbe il veto. Von der Leyen propone quindi di istituire un tribunale in un paese dell’UE che potrebbe affrontare la Russia specificamente sul crimine di aggressione, lasciando i crimini di guerra e i crimini contro l’umanità alla Corte penale internazionale.


Leggi anche: Zelensky: l’Ucraina sta preparando una potente contromisura contro la Russia