UE e NATO: gasdotti Nord Stream sono stati sabotati

0
289
UE e NATO: i gasdotti Nord Stream sono stati sabotati

L’UE e la NATO hanno affermato che i gasdotti Nord Stream sono stati sabotati. Ieri, Svezia e Danimarca hanno segnalato perdite significative dai due gasdotti. L’Ucraina ha accusato Mosca di aver deliberatamente danneggiato l’oleodotto.

I gasdotti Nord Stream sono stati sabotati: cosa hanno affermato UE e NATO?  

L’Unione europea e la NATO hanno affermato che le perdite improvvise e inspiegabili dei gasdotti Nord Stream dalla Russia alla Germania non sono una coincidenza e sono un atto di sabotaggio. Josep Borrell, l’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha detto che le perdite dal Nord Stream sono un atto deliverato e inaccettabile. Borrell ha poi sottolineato che l’UE è pronta ad una risposta forte e unita. Il Segretario della NATO Jens Stoltenberg ha fatto eco alle parole di Borrell e ha detto di aver discusso del sabotaggio sugli oleodotti Nord Stream con il ministro della Difesa danese Morten Bødskov.

Kyiv accusa Mosca

L’Ucraina, così come Svezia e Danimarca, ha accusato la Russia di aver danneggiato l’oleodotto. Kyiv ha definito l’accaduto “un attacco terroristico”. Il ministro degli Esteri danese Bødskov ha affermato che “la Russia ha una presenza militare significativa nella regione del Mar Baltico e ci aspettiamo che continuino a far tintinnare le sciabole”.  Dal canto suo Mosca ha respinto le accuse definendole “abbastanza prevedibili e prevedibilmente stupide”. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto Mosca non esclude nessuna opzione sul sabotaggio. Peskov ha poi aggiunto che la situazione della sicurezza energetica per l’intero continente richiede un’indagine tempestiva.


Leggi anche: Referendum Donbass: la Russia rivendica la vittoria