UE: accordo con Bavarian Nordic per fornitura vaccino vaiolo delle scimmie

0
533
UE: accordo con Bavarian Nordic

L’UE ha raggiunto un accordo con Bavarian Nordic, un’azienda biotecnologica danese, per la fornitura di circa 110.000 dosi di vaccino contro il vaiolo delle scimmie.

Ue: qual è l’accordo con la Bavarian Nordic?

Bavarian Nordic ha annunciato oggi che l’Autorità europea per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA) ha ordinato 110.000 dosi di vaccino MVA-BN vaiolo/monkeypo. Che saranno prodotte a disposizione degli Stati membri dell’UE, della Norvegia e dell’Islanda. In risposta all’attuale epidemia di vaiolo delle scimmie. Le consegne dei vaccini a HERA inizieranno immediatamente e saranno completate nei prossimi mesi.


Rischio epidemia colera: cosa sta accadendo a Mariupol?


Vaccini acquistati con fondi UE

A margine di una riunione dei ministri della salute dell’UE in Lussemburgo, Kyriakides ha affermato che i vaccini saranno acquistati con i fondi dell’UE. E quindi consegnati poi agli stati dell’UE. Le dosi devono essere somministrate in proporzione alla popolazione, a cominciare dagli Stati con i bisogni più urgenti. Questa è la prima volta che il bilancio dell’UE viene utilizzato attraverso il programma EU4Health per acquistare direttamente vaccini per gli Stati membri.

Casi segnalati dell’OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha recentemente segnalato quasi 1.300 casi di vaiolo delle scimmie in paesi al di fuori dell’Africa. La maggior parte dei quali in uomini hanno rapporti sessuali con uomini (MSM). Il vaiolo delle scimmie si verifica principalmente nell’Africa occidentale e centrale e molto raramente si diffonde ad altri Paesi, rendendo l’attuale tendenza insolita. Tuttavia, in Italia, frammenti del virus del vaiolo delle scimmie sono stati rilevati per la prima volta nello sperma di alcuni di pazienti. Sollevando la questione se sia possibile la trasmissione sessuale. Secondo il Robert Koch Institute, la trasmissione da persona a persona è rara ed è possibile solo con uno stretto contatto. Può avvenire quindi, per contatto con le tipiche alterazioni cutanee o per secrezioni respiratorie e salivari escrete.