Udinese che batte agevolmente il Palermo 4-1, siciliani con un piede in serie B

0
682

Nel posticipo delle 18.00 l’Udinese ospita al Friuli un Palermo alla disperata ricerca di punti. Diego Lopez prova la carta Diamanti cercando di sfruttare la sua esperienza per guidare una squadra in difficoltà.

UDINESE: Scuffet; Widmer, Danilo, Angella, Samir (Heurtaux 73′); Badu, Hallfredsson, Jankto (Kums 84′); De Paul, Zapata, Thereau (Perica 58′).

PALERMO: Posavec; Cionek (Balogh 64′), Gonzalez, Goldaniga; Morganella, Chochev, Gazzi, Aleesami (Pezzella 64′); Diamanti; Nestorovski (Jajalo 81′), Sallai.

ARBITRO: Maresca

GOL: 12′ Sallai, 42′ Thereau, 60′ Zapata, 68′ De Paul, 80′ Jankto.

PRIMO TEMPO: Bianconeri che si rendono subito pericolosi con una conclusione da fuori area di Samir col mancino, Posavec è attento e alza sulla traversa. Il primo gol della serata però è del Palermo, Aleesami entra in area da sinistra e passa a Sallai che anticipa tutti e firma lo 0-1.

Udinese che non ci sta e va alla ricerca del pareggio. Poco prima dello scadere del primo tempo, Thereau riceve palla in posizione centrale e da 25 metri lascia partire un tiro forte raso terra che va a infilarsi nell’angolino alla destra del portiere avversario.

SECONDO TEMPO: Passa un quarto d’ora e sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la punta dell’Udinese Zapata è il più lesto e segna il gol che vale il vantaggio per i padroni di casa. Trascorrono soltanto 8 minuti e la difesa del Palermo si fa trovare per l’ennesima volta impreparata. Zapata entra in area di fisico e mette un pallone al centro che però nessuno riesce a intercettare, sul secondo palo arriva De Paul che si fa parare la prima conclusione da Posavec, ma sulla ribattuta fa 3-1. Notte fonda per il Palermo.

L’unica preoccupazione per Scuffet (tornato oggi titolare) è una punizione insidiosa di Diamanti che però finisce alta di poco. Trequartista ex Bologna che poi perde la testa e rifila una gomitata a De Paul meritandosi il rosso diretto. Udinese che ora ha delle praterie a disposizione e non ci mette tanto a segnare il 4 gol. Perica crossa al centro dove Hertaux colpisce di testa a colpo sicuro ma Posavec compie un vero miracolo, purtroppo per lui però la palla finisce sui piedi di Jankto che chiude la partita definitivamente.

Udinese che certamente non aveva grosse pretese, mentre il Palermo vista la posizione in classifica ci si aspettava vendesse cara la pelle. Diamanti che si avvia verso l’ennesimo record negativo, ovvero un’altra retrocessione in carriera dopo quelle con Livorno, Brescia e Bologna.