Effetto Brignoli già svanito per il Benevento: la squadra campana non ha sfruttato il ritrovato entusiasmo e la voglia di rivalsa portati dall’incredibile pareggio contro il Milan e dal gol di testa del portiere al 94′, portando a casa l’ennesima sconfitta. Tutto facile per l’Udinese guidati da un Oddo alla sua vittoria consecutiva in campionato. Ci si aspettava la svolta dal Benevento, dopo il rocambolesco pareggio contro il Milan, ci si aspettava una squadra che cominciasse a collezionare qualche punto più che altro per il ritrovato entusiasmo, e invece la squadra di De Zerbi torna a perdere. E il tutto di fronte a un’Udinese non bellissima e che ha sprecato molte ripartenze, ma che si è aggiudicato la vittoria col minimo sforzo anche grazie a un Benevento lento, impreciso e timoroso.

La partita va verso i binari bianconeri già dopo 5 minuti, quando Barak, sfruttando l’assist di Jankto spiazza Brignoli anche grazie a una deviazione di Letizia. Le Streghe provano a reagire ma il giropalla è troppo lento e impreciso e il tutto diventa più difficile se la difesa è troppo distratta e impacciata che concede a Larsen un occasione d’oro che però non viene concrettizata, quello che fa invece qualche minuto dopo Lasagna, che finalizza benissimo una ripartenza condotta da Barak con un sinistro chirurgico a incrociare. In pratica all’Udinese bastano due accelerazioni per chiudere il primo tempo in doppio vantaggio e ipotecare la vittoria.

Nella ripresa il Benevento prova a creare qualche occasione in più ma Letizia, D’Alessandro e Memushaj sono disastrosi quando si tratta di finalizzare con precisione le azioni concesse dai friulani. Oddo prova a dare velocità e tecnica inserendo Balic e De Paul mentre De Zerbi opta per Ciciretti e Armenteros cambiando il modulo in 4-2-4. Ma il copione è sempre lo stesso e in generale la partita diventa un festival degli errori tecnici, da una parte e dall’altra. L’apice in questo senso si raggiunge sul finire di partita quando Bizzarri raccoglie con le mani un retropassaggio di un suo compagno concedendo una punizione a due in area al Benevento, ma Memushaj riesce a non centrare neanche la porta.

La svolta, alla fine, arriva per Oddo che è già alla sua terza vittoria nelle prime quattro partite alla guida dei Friulani, considerando anche la partita di Coppa Italia e considerando che l’unia sconfitta è arrivata contro il Napoli. Il Benevento, invece, che c’aveva messo 15 giornate per muovere il primo piccolo passo, torna a perdere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here