Ucraina: scoperta una “mini Auschwitz” in una città liberata dalle forze russe

0
678
Ucraina: scoperta una “mini Auschwitz” in una città liberata dalle forze russe

In Ucraina è stata scoperta una “mini Auschwitz” in una città liberata dalle forze russe. Crescono le testimonianze di possibili crimini di guerra commessi dai russi in Ucraina.

Scoperta una “mini Auschwitz” in Ucraina

Orrore in Ucraina. Secondo quanto riferito dai funzionari ucraini, una sospetta camera di tortura, soprannominata “mini Auschwitz”, è stata scoperta in una città appena liberata dalle forze russe. In una città vicino a Izyum, nella regione di Kharkiv, funzionari locali e la polizia hanno riferito di aver trovato diversi oggetti orribili, tra cui una maschera antigas, del filo spinato, un sex toy e una scatola contenete corone dentali d’oro. L’investigatore capo della polizia di Karkiv ha affermato che la maschera antigas “è stata messa con forza sulla testa di una vittima, che è stata coperta con uno straccio fumante e sepolta viva”.

La scatola di corone dentali d’oro che è stata trovata ha spinto il ministero Difesa ucraino a tracciare parallelismi tra le forze russe e naziste, descrivendo la stanza come una “mini Auschwitz”. Secondo il memoriale di Auschwitz, nei campi di concentramento nazista, dove sono state uccise circa 1,1 milioni di persone, sono stati ritrovati più di 40 kg di oro e metallo bianco dalla dentiera rimossi dai corpi delle vittime uccise nelle camere a gas.

Numerosi crimini di guerra commessi dai russi

Queste nuove scoperte non sono i primi cimini di guerra commessi dalle forze russe. Secondo i funzionari ucraini, le persone sono state intimidite, picchiate e maltrattate dalle forze russe. La Russia è anche già stata accusata di crimini di guerra a Izyum in seguito alla scoperta di una fossa comune. Anche a Bucha i funzionati ucraini hanno prove di presunti crimini di guerra. Qui sono stati trovati cadaveri con mani legate dietro la schiena. Ora, la polizia ha riferito che nel villaggio di Novoplatonivka, nella regione orientale di Kharkiv, sono stati trovati corpi di due civili torturati. Avevano le mani legate insieme con le manette e avevano ferite di armi da fuoco alla testa.


Leggi anche: Donetsk: le forze russe si ritirano da Lyman