Tutta salute è “Sento la Terra girare”, di Teresa Mannino

0
254

Ironica, esilarante, divertente, in grado di “tenere” il palco per  90 minuti, senza interruzioni. Parlo di Teresa Mannino, in questi giorni in scena al Manzoni di Milano, con Sento la Terra girare, fino al 6 febbraio. Lo  spettacolo è sold-out, il botteghino è andato in tilt, e a ragione; visto che Mannino, come sempre supera se stessa. Talento? Professionalità? Capacità di arrivare direttamente alla pancia del pubblico che ride e applaude tutto il tempo? Forse è un po’ tutto questo  che fa dell’attrice, siciliana, uno dei personaggi più apprezzati del panorama  artistico di questi anni frenetici, complessi e ora burrascosi.

Teresa Mannino

Un “grazie” per la bella serata trascorsa al Manzoni, serata che “fa bene alla salute”, va ovviamente pure a Giovanna Donini che con Mannino ha scritto lo spettacolo. Mannino cura anche la regia.

Giovanna Donini

“Sento la Terra girare”, “gira” i teatri italiani dalla scorsa stagione e il successo è sempre crescente. La ricetta è un’analisi ironica del mondo in cui viviamo, da un punto di vista da “siciliana”, ma non solo. L’analisi è più generale e la “sicilianità” serve quale esempio di vita vissuta, visto che è quella  la terra d’origine dell’attrice, che vive a  Milano da tanti anni. A Milano Mannino  ha frequentato la scuola di recitazione del  teatro Carcano: Cechov e Dostoevskij tanto per capire. Altri ingredienti fondamentali della riuscita dello spettacolo  sono il coinvolgimento del pubblico e poi l’improvvisazione, che arricchiscono la rappresentazione che segue ovviamente un filo conduttore. Spettacolo che, presumo, non si ripeta mai uguale a se stesso. Al Manzoni si adegua e si mette dalla parte dello spettatore creando un rapporto comunque equilibrato.

Mannino fa un’analisi chiara e onesta della nostra società, affrontando tanti temi, quali: la questione climatica, le mutazioni biologiche apportate dall’uomo e tanti altri. E’ interessante la differenza, che fa riflettere, tra gallo, gallina e pollo, ( il pollo nasce per essere mangiato e pensandoci dire a  qualcuno “sei proprio un pollo” ha il suo perché).  Parla poi del rapporto e delle differenze “anatomiche” tra uomini e donne, del consumismo e del cibo gettato, quando c’è chi non mangia.  Ironizza sul senso del  Natale e sui doni, sull’ipocrisia, ovviamente suscitando una lunga e sana risata. Ci racconta poi delle tradizioni della sua Sicilia e della sua “sicilianità”. Lo spettacolo inizia con l’attrice che esce da un armadio dove da anni si era rifugiata: “La Terra gira in modo strano e troppo veloce?”.

La scenografia è essenziale e pulita con un piccolo incidente di percorso, molto divertente e, in modo pronto e sublime, ironizzato dall’attrice, che lo trasforma in un momento di puro e spontaneo divertimento. Non manca una riflessione sui cinquantenni che fanno l’impossibile per sembrare ragazzini, andando contro natura: “Perché mettersi l’apparecchio ai denti, quando il resto sta cedendo?”.

Lo spettacolo vuole sensibilizzare,comunicare un messaggio:  “Si lasci fare a madre natura, senza condizionarla troppo, che, alla fine, il suo lavoro lo sa fare, vista la lunga esperienza a bottega?”.

L’obiettivo è centrato e  concludere una giornata stressante, andando a teatro a “vedere”  la Mannino,  è una buona terapia per sentirsi più energici.  Quando si dice, ripetendomi: “una lunga risata è tutta salute”.

Lo spettacolo sarà in tour a Cremona, Parma, Biella, Torino, Legnago (VR), Adria (RO), Venezia, Schio,  e in tante altre città, fino al 30 marzo.

Per informazioni: www.teresamannino.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here