Turismo a Torino: ripartenza con l’ospitalità diffusa

Il capoluogo piemontese è pronto ad accogliere i turisti in completa sicurezza con importanti novità

0
337
Turismo a Torino: meet online organizzato da Wonderful Italy (articolo di Loredana Carena, #loredanacarena artecarenalo)

Il turismo a Torino è pronto a ripartire dopo la pandemia grazie ad alcuni cambiamenti nel comparto dell’ospitalità. Affitti brevi, case vacanze e ospitalità diffusa sono, infatti, i nuovi trend di settore per l’estate 2021.

Il punto sull’attuale situazione verrà fatto mercoledì 19 maggio dalle ore 16.00 durante l’incontro online, sulla piattaforma Google Meet, organizzato da Wonderful Italy .

Quali sono i player della ripartenza del turismo a Torino e negli altri centri piemontesi?

Dopo Palermo e Napoli, il capoluogo piemontese è la terza tappa dell’incontro dedicato ai proprietari e gestori di case vacanze e locazioni turistiche, promosso da Wonderful Italy.

La call del 19 maggio, “Benvenuti a Torino! Ospitalità diffusa per l’accoglienza turistica di qualità”, è gratuita ed ha lo scopo di mettere a confronto i protagonisti del settore turistico. Tra i relatori ci saranno anche i rappresentanti di Assifero (Associazione Italiana delle Fondazioni ed Enti della Filantropia Istituzionale), Osservatorio Turismo della Regione, Turismo Torino e Provincia e Torino Airport.

E’ il momento di reinventare nuovamente l’offerta – spiegano Loredana Gazzera, amministratrice delegata, e Lavinia Fanari responsabile sviluppo dell’Hub Piemonte di Wonderful Italy – e crediamo che Torino e il Piemonte siano un’area che si presti molto bene allo sviluppo turistico”. Punto di forza del Piemonte, infatti, è la presenza di numerose case di pregio sia nei centri urbani che nell’hinterland. A ciò si aggiungono gli aspetti storico – artistici e naturalistici che consentono di creare dei tour ad hoc sia per gli amanti dello sport sia per coloro che desiderano conoscere la storia e l’arte della regione.

Un altro fattore che incide sul turismo medio lungo è la presenza di professionisti a cui è rivolto un tipo di pernottamento meno tradizionale e più flessibile.

Quali sono le statistiche e i trend di Wonderful Italy per il turismo a Torino?

Nel periodo antecedente la pandemia l’utenza di Wonderful Italy era principalmente straniera. Lo scorso anno la situazione si è ribaltata. Il 90% delle richieste di soggiorno è stata da parte degli Italiani. “Il nocciolo duro è rappresentato da famiglie e da coppie spiega Michele Ridolfo, amministratore delegato e cofondatore di Wonderful Italy – Questi due cluster cubano oltre il 70% del totale. Il soggiorno medio è di 5 giorni. Le caratteristiche maggiormente ricercate lo scorso anno dai nostri ospiti sono state in ordine: wifi, piscina, giardino, dotazione completa di elettrodomestici e terrazzo. Le esperienze più votate nel 2020 sono state in ordine: arte e cultura, enogastronomia, sport, natura”.

Alcune notizie su Wonderful Italy

Lanciata dal fondo di Impact Investing Oltre Ventura, Wonderful Italy ha lo scopo di potenziare il comparto turistico in quelle aree geografiche italiane dove il turismo è poco sviluppato. La mission è quella di originare uno sviluppo locale sostenibile attraverso il turismo. Attualmente è presente in 8 aree geografiche con oltre 600 case e 250 diverse esperienze turistiche. L’hub piemontese è attiva da circa un anno e offre ospitalità attraverso la gestione, la riqualificazione e la promozione di abitazioni locali poco utilizzate. Per conto dei proprietari gestisce in modo professionale l’accoglienza degli ospiti, la pulizia e la manutenzione delle unità abitative. Offre, inoltre, come servizio complementare all’accoglienza, l’opportunità di conoscere le particolarità locali.

Informazioni

Per partecipare all’evento di mercoledì 19 maggio 2021 è necessario compilare il modulo su www.bit.ly/32FPmVL[email protected]


Leggi anche: https://www.periodicodaily.com/francesca-lavazza-presidente-del-castello-di-rivoli/

Commenti