Turchia, terremoto ad Elazig: almeno 18 vittime

0
245

“Come il presidente della Turchia, voglio che sappiate che lavoriamo a stretto contatto con le istituzioni. Sosteniamo la nostra nazione con tutte le nostre istituzioni e organizzazioni, in particolare AFAD e Kızılay. Desidero pietà di Dio per i nostri fratelli che hanno perso la vita a causa del terremoto e auguro una guarigione immediata a coloro che sono rimasti feriti”. Cosi il presidente della Turchia Recep Tayyp Erdogan, mediante un messaggio su Twitter, ha espresso la sua vicinanza alla provincia orientale di Elazig (Anatolia Orientale), colpita da un terremoto che ha ucciso 18 persone e che ne ha ferite ben 550.


L’evento sismico di magnitudo 6.8 della scala Richter ha costretto la popolazione della provincia turca a riversarsi nelle strade. Sono stati allestiti centri di accoglienza, perlopiù Palazzetti dello sport, scuole e biblioteche convertiti per l’occasione, per l’impossibilità di ritornare negli edifici, evidentemente colpiti dal terremoto e ancora non sicuri per tornare ad accogliere all’interno persone. La televisione turca ha mandato in onda persone sottoshock per il forte evento, che ricordiamo ha interessato milioni di residenti della provincia orientale turca.

Terremoto in Turchia

l ministro degli interni Suleyman Soylu ha avvisato che i soccorritori stanno cercando di estrarre almeno 30 persone bloccate sotto le macerie degli edifici crollati a Elazig. ll capo dell’Afad, Mehmet Gulluoglu, ha inoltre dichiarato che intere squadre di esperti sono a lavoro per rilevare i danni concreti dell’evento sismico.

La solidarietà internazionale

Secondo fonti diplomatiche, Dendias ha affermato che la Grecia è pronta a dare una mano, se necessario. Anche il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dichiarato la vicinanza alle persone colpite dal terribile terremoto.

“Devastanti notizie dalla Turchia questa sera. I nostri cuori vanno a tutti coloro che sono rimasti feriti o che hanno perso una persona cara nel terremoto di oggi”, ha dichiarato Trudeau in un posto sul suo profilo Twitter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here