mercoledì, Luglio 24, 2024

Turchia: opposizione chiede dimissioni di Erdoğan

I partiti di opposizione chiedono le dimissioni del presidente della Turchia Recep Tayyip Erdoğan. Erdoğan, che cerca un altro mandato da presidente dopo due decenni al potere, ha ricevuto forti critiche dai sopravvissuti al terremoto, in particolare da quelli di Adıyaman nel sud-est del Paese.

Turchia: opposizione chiede dimissioni del presidente

I partiti di opposizione e i parenti delle vittime del terremoto hanno aspramente criticato il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan per la sua richiesta di perdono per i ritardi nei soccorsi. Hanno chiesto al presidente le sue dimissioni e di affrontare un resoconto completo delle sue azioni. “A causa dell’effetto devastante dei terremoti e del maltempo, nei primi giorni non siamo stati in grado di lavorare come avremmo voluto ad Adıyaman. Mi scuso per questo”, ha detto Erdoğan.

“Chiede perdono. Non c’è perdono per aver ucciso la propria gente. L’avete fatto. Avete causato la morte di quasi 50.000 cittadini. Come chiederete perdono a un cittadino che è morto congelato?”, ha ribattuto Kemal Kılıçdaroğlu, leader della principale opposizione del Partito popolare repubblicano (CHP). “Decine di migliaia di persone sono morte urlando sotto le macerie e il presidente del Partito per la giustizia e lo sviluppo AKP Erdoğan vuole il perdono. La gente non vi perdonerà mai. Le persone hanno perso la vita a causa vostra”, ha tuonato il co-presidente del Partito democratico popolare (HDP) pro-curdo Pervin Buldan . “Non si può fare orecchie da mercante alle voci che chiedono le dimissioni del governo. Quello che dovete fare è accettare la responsabilità e dimettervi”, ha aggiunto.

Anche il leader del Partito di opposizione per la democrazia e il progresso (DEVA), Ali Babacan, ha attaccato Erdoğan. Ha affermato che non può assolversi dalla responsabilità semplicemente chiedendo perdono. “Quante persone hanno perso la vita a causa dei ritardi nelle prime 48 ore dopo i terremoti“, ha detto Babacan. Anche l’opposizione Homeland Party (MP), il Workers Party of Turkey (TİP) e il Labour Party (EMEP) hanno invitato il governo a dimettersi in risposta all’appello di Erdoğan.

La rabbia dei sopravvissuti al terremoto

L’appello di perdono da parte del presidente ha ricevuto una risposta rabbiosa sui social media e anche da parte dei sopravvissuti al terremoto. “Ho chiesto aiuto su Twitter per giorni e nessuno ha sentito la mia voce. Giovedì 9 febbraio ho tirato fuori mia madre e mio padre dalle macerie. I miei genitori non potranno vedere la mia laurea, il mio matrimonio o mio figlio. Sono un orfano. Non vi perdono”, ha twittato un utente. “Avete lasciato morire migliaia di persone. A nome di mio fratello, mia cognata incinta, mio ​​nipote a cui mancava un mese per compiere 3 anni, non vi perdono”, ha twittato un altro.

Nel diritto amministrativo si ha carenza di servizio se il servizio è scadente, tardivo o inesistente. Se sei in ritardo con il servizio, significa che sei in errore. Chi ha torto non può chiedere perdono; lui o lei deve essere all’altezza delle proprie responsabilità. In caso contrario, l’amministrazione può chiedere perdono per ogni difetto e farla franca“, ha twittato Kerem Altıparmak, avvocato per i diritti umani ed ex professore di scienze politiche all’Università di Ankara.


Leggi anche: Terremoto in Turchia: Erdogan ammette le “carenze” nel soccorso

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles