Tupperware quadruplica gli incassi

Un'altra azienda 'mangiata' dal progresso e dai cambi di abitudine delle persone. La Tupperware però oggi ha stupito la Borsa di New York

0
587
Tupperware

Nel marketing attuale la Tupperware iniziava a rappresentare una di quelle aziende obsolete. Caduta nel dimenticatoio per la troppa concorrenza sembrava prossima alla fine. 5 anni di ricavi sotto lo zero. Ma inaspettatamente nel 2020 avviene una controtendenza di tutto rispetto.

Durante il lockdown però milioni di persone si dedicano alla cucina, sperimentano nuove ricette e i tutorial su youtube sbancano. I contenitori ritrovano spazio nel nostro ambiente, nel frigo, sulle tavole. I ricavi durante gli ultimi tre mesi sono quadruplicati. Le azioni della Tupperware Brands Corp., sono balzate del 35%. A marzo valevano circa 1 dollaro, ieri hanno chiuso a 28,80 dollari.

La bella storia di Tupperware

Tupperware è una multinazionale statunitense dedita alla produzione e distribuzione, tramite vendita diretta, di utensili per la cucina e articoli in polietilene per la casa e il tempo libero. Fondata, nel 1946. Lanciò nel mercato la famosa Ciotola Meraviglia. Realizzata col sistema brevettato ‘tappo a stappo’ che rendeva ermetico il contenitore e di facile apertura e utilizzo. Questo articolo era fabbricato in polietilene, materiale introvabile sul mercato in quell’epoca. La scelta commerciale si rivelò però un memorabile insuccesso, a tal punto che il prodotto fu ritirato dal commercio nel 1951. Il flop era principalmente dovuto alla mancanza di una descrizione accurata del prodotto.

La trovata geniale

Fu proprio la mancanza di una presentazione del prodotto che causò il fiasco nelle vendite di prodotti della Tupperware.

La segretaria Brownie Wise ebbe allora l’idea di realizzare delle presentazioni dove il cliente poteva toccare il prodotto e rendersi conto della vera utilità, al punto di consigliarlo anche ad altre amiche. Nasce il Multi-Level marketing. Grazie a questa tecnica ancora oggi tali prodotti sono venduti attraverso incontri (party) organizzati. Una sorta di incontri a domicilio, dove però anche il cliente ha la possibilità di diventare venditore. Le top presentatrici nelle vendite vengono riconosciute e premiate. Inoltre il prodotto della Tupperware era garantito a vita, una condizione che negli anni ’50 non esisteva.

Nuova strategia di vendita per Tupperware

Oggi con la ritrovata creatività culinaria di molte persone nel mondo, il contenitore rappresenta un indispensabile utensile di cucina. Inoltre per favorire le vendite si è reso necessario un nuovo piano di vendite, perché la pandemia non ha permesso più l’organizzazione di incontri domestici. Quindi si è avviato una nuova strategia attraverso il digitale sfruttando internet e quindi favorendo vendite online. Un lieto fine tutto sommato meritato.