Tumori renali distrutti da nuovo metodo ambulatoriale

0
157


Tumori renali distrutti da un sistema di crioablazione ambulatoriale. Praticamente congelati. Uno studio convalida la tecnologia ProSense di IceCure, dimostrando un’efficacia del 100% contro le crescite di tumori renali.

Tumori renali distrutti per congelamento

La tecnologia di crioablazione, ovvero di congelamento, con azoto liquido non chirurgico (LN2) dimostra un tasso di successo pari al 100%. Sono sette i pazienti coinvolti nello studio, tutti affetti da cancro del rene i cui tumori, già rimossi chirurgicamente, che si erano ripresentati. Il Journal of Molecular and Clinical Medicinev riporta lo studio e dimostra l’eccellente risultato per la società israeliana IceCure Medical.

Lo studio, svolto presso il Bnai Zion Medical Center di Haifa, ha mostrato che la distruzione dei tumori dei pazienti non ha portato a recidiva in un periodo di 20-36 mesi dopo la procedura. Lo studio è stato condotto da urologi e radiologi tra cui Sagi Shprits, Robert Sachner, Simona Croitoru, Karina Dorfman, Ofir Avitan, Zaher Bahouth, Amnon Zisman e Ofer Nativ.

La IceCure Medical

Obiettivo dell’azienda israeliana è quello della cura del cancro al seno, ai reni e ai polmoni. Questa tecnologia mininvasiva è un’alternativa alla rimozione chirurgica del tumore. Una tecnologia facilmente eseguibile in procedura ambulatoriale, grazie anche all’utilizzo della tomografia computerizzata.

La soluzione ideata dalla IceCure ha anche il vantaggio di aiutare le istituzioni a liberare sale operatorie. Questo permette di prevenire e ridurre anche il rischio di agenti patogeni infettivi da procedure mediche.


Un nuovo test per i tumori arriva a scoprirne oltre 50


ProSense e i tumori renali distrutti in tutto il mondo

ProSense è disponibile in tutto il mondo dopo aver ricevuto le approvazioni FDA e CE. “Nelle ultime settimane abbiamo completato con successo cinque installazioni ProSense remote presso cliniche in Sud Africa, Germania, Singapore, Spagna e Tailandia“, riferisce la società.

Ad agosto, IceCure ha completato un’offerta azionaria di 6 milioni di dollari. Il CEO Eyal Shamir ha dichiarato: “L’offerta garantisce la realizzazione del nostro piano strategico per la continua espansione e crescita delle nostre attività operative negli Stati Uniti, in Europa e in Asia“.

Commenti