Trump fa causa alla CNN per diffamazione

0
264
Trump fa causa alla CNN per diffamazione

L’ex presidente americano Donald Trump fa causa alla CNN per diffamazione. Trump chiede un risarcimento di 475 milioni di dollari. L’ex presidente ha poi fatto sapere che farà causa anche ad altre società di media.

Trump fa causa alla CNN

L’ex presidente americano Donald Trump ha intentato una causa contro la CNN. Nella causa, depositata in un tribunale federale della Florida, Trump sostiene che l’emittente televisiva abbia condotto una “campagna di diffamazione e calunnia a mezzo di stampa” contro di lui. Sostiene anche che la CNN abbia utilizzato la sua enorme influenza come presunta fonte affidabile per diffamare Trump nelle menti dei suoi spettatori e lettori allo scopo di sconfiggerlo politicamente. L’ex presidente americano chiede 475 milioni di dollari di danno.

Nella causa Trump sostiene anche che la CNN avrebbe intensificato gli attacchi contro di lui per il timore che possa ricandidarsi alle presidenziali nel 2024. Sostiene inoltre che la CNN si è impegnata a diffamare Trump attraverso etichette negative e allusioni, trasmettendo commenti sul fatto che Trump è come un leader di una setta, un razzista, un lacchè russo, un rivoltoso, un portavoce dei suprematisti bianchi e perfino definendolo Hitler.  

Trump ha fatto sapere che prossimamente farà causa anche ad altre società di media.  Tuttavia, le cause per diffamazione sono difficili da vincere. Al fine di provare la diffamazione, i funzionari pubblici e altri personaggi pubblici devono provare che i giornalisti hanno agito con effettiva malizia o sconsiderato disprezzo per la verità nei loro resoconti, un alto limite legale per superare le protezioni del Primo Emendamento concesse alla stampa libera dalla Costituzione. Il New York Times, ad esempio, non perde una causa per diffamazione da più di 50 anni. 


Leggi anche: Trump pronto a querelare la CNN per segnalazioni “diffamatorie”