Trump e Giuliani processati usando la legislazione anti-KKK

L’ex presidente e il suo avvocato sono accusati di aver incitato la rivolta del 6 gennaio al Campidoglio

0
395
Trump e Giuliani

L’ex presidente Donald Trump e il suo avvocato Rudy Giuliani sono stati coinvolti in una causa per i diritti civili. Secondo la causa, Trump avrebbe cospirato con Giuliani e membri di gruppi di estrema destra per impedire la certificazione delle elezioni al Congresso lo scorso 6 gennaio. Il deputato Bennie Thompson ha presentato causa usando la legge anti Ku Klux Klan.

Trump e Giuliani saranno processati?

L’ex presidente Donald Trump e il suo avvocato Rudy Giuliani sono coinvolti in una causa per i diritti civili. Secondo la causa, l’ex presidente avrebbe cospirato con Giuliani e gruppi di estrema destra per impedire la certificazione del voto al Congresso. Il Daily Beast ha riferito che gli avvocati del deputato Bennie Thompson, presidente del Comitato per la sicurezza interna della Camera e della NAACP hanno presentato la causa all’ex presidente.

Thompson ha citato in giudizio Trump a titolo personale il 16 febbraio, tre giorni dopo che il Senato aveva assolto l’ex presidente al processo di impeachment. Il deputato si è appellato a una legge emanata dopo la Guerra Civile, il Ku Klux Klan Act. Tale legge era pensata per contrastare la violenza e le intimidazioni del gruppo razzista del Ku Klux Klan.

Che cos’è Ku Klux Klan Act?

Lo statuto federale è stato approvato dopo la Guerra civile per combattere la violenza da parte del KKK . Inoltre per consente di intraprendere un’azione civile contro le persone che usano “la forza, l’intimidazione o la minaccia” per impedire a chiunque di mantenere i doveri del proprio ufficio. Vieta alle persone di impegnarsi in cospirazioni e violenze per impedire ai membri del Congresso di svolgere il proprio lavoro. Al momento dell’approvazione, la legge aveva lo scopo di proteggere i neri e i membri del Congresso dall’essere terrorizzati dal KKK. Il KKK era particolarmente noto per aver usato minacce, aggressioni e distruzioni per influenzare le elezioni. Ma anche per intimidire i repubblicani bianchi che stavano tentando di partecipare al Congresso Nazionale. Il gruppo ha anche cercato di invertire e bloccare le attività dell’era della ricostruzione nel sud che conferivano ai neri potere politico e diritti civili.

Jon Greenbaum, consigliere capo e vicedirettore senior del Comitato degli avvocati per i diritti civili, ha affermato che il Ku Klux Klan Act viene utilizzato quando sono presenti minacce specifiche, comprese azioni che minacciano il diritto di voto e impediscono agli ufficiali federali di svolgere il proprio lavoro.  Joseph Sellers, un avvocato che rappresenta Thompson e la NAACP, ha definito Trump, Giuliani, insieme ai gruppi di estrema destra i “principali artefici” dell’insurrezione. Ha inoltre detto che la storica legge del KKK dovrebbe essere utilizzata per proteggere i membri del Congresso che sono stati colpiti quel giorno.


Assalto Capitol Hill: prima causa civile contro Donald Trump