Truffe assicurazione On-line della Polizia Postale rintraccia il truffatore

0
256
Truffe assicurazione

Truffe assicurazione On-line della Polizia Postale rintraccia il truffatore. Dopo aver visualizzato alcune offerte sul web, notava all’interno del sito internet “Genial Click”.

Truffe assicurazione On-line la Polizia Postale di Ferrara hanno denunciato in stato di libertà un uomo di origine campane, per truffa. Nello specifico, gli Agenti hanno ricevuto una denuncia da parte di un cittadino ferrarese, il quale riferiva che avendo l’assicurazione dell’auto in scadenza, aveva deciso di cercare su internet una polizza on-line. Dopo aver visualizzato alcune offerte sul web, notava all’interno del sito internet “Genial Click”,  la possibilità di ottenere un premio assicurativo ad un prezzo adeguato.

La vittima dopo qualche giorno ha contattato l’utenza telefonica rilevata sul sito e, trovando la proposta conveniente,  ha stipulato la polizza effettuando il pagamento, di euro 313,00 come concordato, attraverso la ricarica della postepay fornitagli dall’interlocutore,  senza tuttavia ricevere la documentazione attestante la regolare copertura assicurativa.

Operazione della GdF di Ferrara: falsi permessi di soggiorno 60 gli avvisi

Sindaco Ferrara: consegna le chiavi della città al Capo della Polizia

La vittima, a questo punto, cercava di contattare l’agente assicurativo che gli aveva proposto la polizza senza riuscire a rintracciarlo. Le ulteriori verifiche, oltre a dargli conferma che il suo veicolo non era assicurato, apprendeva che la compagnia non esisteva, rendendosi così conto di essere rimasto vittima di una truffa .

Al termine delle indagini, gli Agenti della Polizia Postale sono riusciti ad accertare l’identità dell’autore della truffa, già gravato da precedenti specifici  e denunciarlo alla competente A.G.. Un fenomeno quello delle vendite delle polizze assicurative  de quibus in continua crescita. La Polizia Postale  sensibilizza i cittadini a riporre attenzione alle offerte online ritenute vantaggiose, difendendosi grazie all’Ivass (istituto di vigilanza sulle assicurazioni) sul cui sito internet ciascun cittadino può verificare se la compagnia assicurativa, e l’intermediario che si contatta, esista davvero.