Tromba d’aria a Falconara: ombrelloni e lettini sui binari

0
212
Tromba d’aria a Falconara

Tromba d’aria a Falconara, ombrelloni spezzati e lettini sui binari: la protezione civile estende l’allerta meteo

Una tromba d’aria ha colpito Falconara alle porte di Ancona mentre piano piano la “goccia fredda” scende da Nord a Sud. Diramata l’allerta arancione in Sicilia e gialla su altre 10 regioni. Si registrano ingenti danni legati al maltempo sul litorale nord di Ancona.

A Palombina e Falconara i lettini e gli ombrelloni di alcuni stabilimenti balneari sono stati spazzati via dalla furia del vento e sono finiti lungo la linea ferroviaria tanto che si è dovuto interrompere temporaneamente la circolazione dei treni lungo la dorsale adriatica. 

In un video pubblicato sui social si vede la tromba d’aria avvicinarsi dal mare alla costa portando ingenti danni sul litorale anconetano. L’annunciata ondata di maltempo collegata alla discesa in Italia della goccia fredda che ha fatto disastri in Germania e Belgio continuerà a scuotere l’Italia per le prossime ore spostandosi da Nord a Sud. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende quello diffuso ieri.

Tromba d’aria in Trentino: case scoperchiate e strade allagate

Maltempo Catania – Tromba d’aria colpisce l’aeroporto (Video e Foto)

Maltempo Toscana – Tromba d’Aria a Rosignano in provincia di Livorno

Dalle prime ore di domani, domenica 18 luglio, sono previste precipitazioni a prevalente carattere temporalesco sulla Romagna mentre fenomeni temporaleschi insisteranno su Marche, Umbria, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia e Basilicata, in estensione a Calabria e Sicilia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Diramata l’allerta arancione per rischio idrogeologico e temporali sui settori settentrionali della Sicilia. Allerta gialla sul resto dell’isola siciliana e su tutte le regioni meridionali, nonché nelle Marche, in Umbria e su parte della Romagna.