TRiCERA ART: galleria online che avvicina pubblico e artisti

Una risorsa web che permette di conoscere gli artisti emergenti e di acquistare le opere, diventando un collezionista

0
288
Gallerie d'arte

Oltre agli spazi espositivi tradizionali in cui presentare i propri lavori, i collezionisti possono avvalersi delle gallerie online. TRiCERA ART è un sito in cui trovare le opere di 5mila artisti asiatici e di 100 paesi del mondo. Un’opportunità anche per veder crescere un talento e seguirlo nell’evoluzione dello stile.


Basil Kincaid alla Galleria Poggiali fino al 23 dicembre


Perché acquistare su TRiCERA ART invece che in una galleria locale?

Per la scelta di opere disponibili e la presenza di numerosi nomi del panorama dell’arte contemporanea. Il gallerista propone i talenti che conosce meglio e organizza l’attività per promuovere il lavoro del gruppo di creativi che apprezza. L’esposizione online è invece aperta a molti artisti e a portata di click. Gli utenti possono connettersi direttamente alla pagina di un pittore e scultore e visionare le opere. Inoltre, è possibile contribuire alla notorietà di chi dimostra maggiori capacità. Tai Iguchi, CEO di TRiCERA, spiega il progetto. “La popolarità dell’arte contemporanea è in piena espansione nel mercato mondiale e anche in Giappone. Tuttavia molti grandi artisti rimangono nascosti. Potrebbero essere i nostri principali talenti e TRiCERA dà loro la possibilità di raggiungere il mondo”.

Alcuni artisti che si fanno conoscere su TRiCERA ART

Gli artisti giapponesi utilizzano la risorsa online per trovare acquirenti e incrementare il valore delle proprie opere. Ishii Nobou propone dipinti e sculture che realizza mescolando lo stile del paese del Sol levante ai modi di rappresentazione di altri luoghi. Proprio la rete favorisce l’incontro tra creativi e lo scambio di conoscenze che contribuisce alla creazione di nuovi linguaggi figurativi.

Todoroki Tomohiro

Il designer è conosciuto per le sue rappresentazioni di auto e moto d’epoca, vivaci, colorate e da collezione. Le opere esprimono i infatti concetti di libertà e indipendenza che i veicoli comunicano, oltre alla velocità dei tempi moderni. Ha partecipato anche al Salone di Padova con lavori sui motori.