Dalle registrazioni che il lavoratore avrebbe fatto nel corso della conversazione, il suo datore di lavoro lo avrebbe insultato e minacciato di morte. “Ora cʼè Salvini”, urla lʼuomo.

“Ti brucio vivo bastardo islamico”. “Ti posso anche ammazzare, adesso che è andato su Salvini”. Sono gli insulti e le minacce nei confronti di un giovane lavoratore originario del Marocco e che risiede in provincia di Trento, che chiede al suo principale di poter restare a casa per malattia. Una risposta shock, da quanto risulta dalle registrazioni che il lavoratore avrebbe fatto nel corso della conversazione con il suo datore di lavoro.

Registrazioni portate come prova alla Cgil del Trentino e alle forze dell’ordine per sporgere denuncia. Secondo quanto riportato nelle trascrizioni dei file audio, S., uno dei due fratelli titolari dell’azienda, avrebbe inveito su A., il lavoratore, additandone il culto e la razza: “Islamico di me..”, “Che muoia tutta la tua razza”.

A tali ingiurie il lavoratore avrebbe risposto a monosillabi, riuscendo appena a dire: “Signore, non sto bene”. Ma S. secondo quanto riporta il Corriere del Trentino, avrebbe proseguito: “Cos’è che c’hai? Il tuo ramadam? Vedrai che ti mando Casapound, sai cos’è Casapound a Trento? Per rapirti ti bruciamo vivo. Stai attento, stai attento che ti mangiamo”.

Conclusa la conversazione, il lavoratore ha chiesto aiuto alla Cgil che gli ha suggerito di avviare le dimissioni per giusta causa. Ed è scattata la denuncia: “L’ audio registrato dal lavoratore, assunto con un contratto da metalmeccanico, è agghiacciante. Da un lato, la rabbia. Dall’ altra, una voce tremante”, commenta il suo legale.

Condividi e seguici nei social

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here