Trasloco: pianificazione ed organizzazione al primo posto

Perché l’organizzazione gioca un ruolo fondamentale

0
165

Inutile girarci intorno, il trasloco è un momento atteso e allo stesso tempo odiato dalla stragrande maggioranza degli italiani, e le ragioni sicuramente non sono difficili da indovinare.

Dobbiamo liberare completamente l’abitazione che ci ha ospitati per anni ed anni, e nella quale abbiamo depositato di tutto e di più; non solo effetti personali e oggetti utili, ma anche cianfrusaglie che abbiamo deciso di conservare sperando nella loro utilità futura.

Pochi però sanno che anche un incubo come il trasloco, può essere facilmente digerito grazie ad un’adeguata organizzazione e pianificazione delle operazioni.

Per eseguire  il trasloco in maniera rapida ed efficiente è necessario organizzarsi anticipatamente, non solo per quanto riguarda l’imballaggio degli oggetti presenti in casa, ma anche per il trasporto e la chiamata all’azienda che se ne occuperà.

Esistono imprese specializzate su tutto il territorio nell’offrire questo servizio, come traslochi Lucca ad esempio, che provvede sia al trasporto che all’inscatolamento in maniera adeguata dei nostri beni.

Non limitiamoci però ad una panoramica generale, andiamo a scoprire l’argomento in maniera più approfondita ed esaustiva.

Trasloco fai da te, conviene davvero?

Innanzitutto vogliamo sfatare un mito alquanto diffuso, di cui probabilmente anche a voi sarà arrivata voce: il trasloco fai da te.

Coloro che non hanno mai avuto niente a che fare con tale operazione, sostengono fermamente che sia possibile eseguire il trasloco in autonomia, senza alcun aiuto esterno.

Fare un trasloco in maniera indipendente è veramente possibile solo se abitiamo in una stanza singola, senza mobili e soprammobili di nostra proprietà.

In un’abitazione normale, ove sono presenti molti oggetti ingombranti, mobili, arredi e tanto altro ancora, provare a smontare e caricare il tutto nel proprio veicolo è un grandissimo rischio.

I mobili devono essere accuratamente smontati prima del trasporto, e sistemati di modo tale da non subire o provocare danni durante il viaggio.

Come se ciò non bastasse, entra in gioco il fattore del peso del carico, che rende ancora più difficile, se non impossibile, il raggiungimento dell’obbiettivo.

Come abbiamo avuto modo di accennarvi in precedenza, sul nostro territorio sono presenti imprese formate da team di professionisti che si occupano proprio di tutto ciò, e sarebbe davvero un peccato sprecare tempo prezioso quando la soluzione al problema è a portata di click!

Scatoloni e imballaggi

Qualora vogliate occuparvi personalmente dell’inscatolamento dei vostri oggetti, qui abbiamo qualche dritta preziosa da tenere a mente.

Partendo dalla qualità degli scatoloni, cercate di non precipitarvi subito sul modello più economico, ma date un occhio di riguardo anche allo spessore e alla resistenza.

Ricordatevi che i vostri beni dovranno essere completamente protetti all’interno, non solo durante il viaggio, ma anche lungo i vari tragitti da compiere.

E’ buona norma cercare anche di non superare i 20 chilogrammi di peso per ciascuno, oltre i quali il sollevamento diventa davvero complicato anche per la persona più robusta ed allenata.

Una volta completato il tutto, munitevi di un pennarello indelebile ed annotate in linea generale il contenuto di ogni scatolone.

Una precauzione superflua?

Sicuramente no, in questo caso, visto che gli scatoloni sono tutti uguali e sicuramente finiranno anche nelle mani dei trasportatori.

Immaginatevi ad esempio di sbattere a terra accidentalmente lo scatolone contenente computer, tablet ed elettronica varia, un danno da centinaia di euro facilmente evitabile.

Sopra gli scatoloni contenenti oggetti particolarmente delicati dovete annottare l’avviso di fragilità.

Per quanto riguarda invece pezzi di mobilia smontati, potete optare per il cellofan, molto più pratico e adatto alla situazione.

Commenti