Tper, arriva a Bologna il biglietto elettronico

0
404

Una novità in arrivo a Bologna per quanto riguarda il trasporto pubblico cittadino.

Tper, l’azienda locale responsabile del movimento su ruota e rotaia di migliaia di cittadini e cittadine emiliano romagnole, ha finalmente annunciato l’arrivo di una comoda novità che permetterà a partire dal 15 aprile 2018 di risparmiare soprattutto tempo a tutti i viaggiatori e viaggiatrice che sceglieranno la tecnologia.

Grazie al download (su Play Store e sui canali on line Tper. In un primo sarà disponibile solo per i telefoni che usano un sistema operativo Android) di una specifica app, i passeggeri e le passeggere Tper dal prossimo mese potranno acquistare (al momento è però previsto solo l’acquisto del biglietto urbano con validità 75 minuti al classico prezzo di 1 euro e 30 centesimi, anche se nei mesi seguenti verranno resi disponibili in vendita tutti i tipi di titolo di viaggio) su internet, tramite la registrazione della propria carta di credito, biglietti che poi dovranno essere validati nel momento in cui si salirà in vettura.

La nuova app, commissionata alla francese Spirtech leader nel settore, salverà sul telefono un biglietto che si convaliderà ogni volta che si passerà il proprio smartphone vicino all’obliteratrice. Proprio come i classici biglietti acquistati in edicola, in tabaccheria o nei punti vendita TPer, il titolo di viaggio dovrà essere riconvalidato ad ogni salita in vettura e un contatore visibile nell’app informerà il passeggero su quanto il proprio biglietto elettronico sarà ancora valido.

Il servizio sarà valido non solo a Bologna, ma su tutti i territori coperti dalle aziende di trasporto pubblico locale SETA, START, TEP tutte operanti sul territorio emiliano romagnolo.

Per commentare il servizio, lasciare suggerimenti o comunicare con l’azienda potete comunicare su twitter utilizzando @tpertutti.

Il nuovo biglietto elettronico porta finalmente in Emilia Romagna un servizio già in sperimentazione in varie parti d’Italia ormai da anni, trasformando così l’idea del trasporto pubblico, come servizio più comodo e veloce.

Commenti