Totti e il calcio: scelta di cuore e di passione

0
297

“Il mio amore per il calcio non passa: è una passione, la mia passione. È talmente profonda che non posso pensare di smettere di alimentarla. Mai. Da lunedì sono pronto a ripartire. Sono pronto per una nuova sfida”.

Un cuore che batte e una passione che lo fa correre ovunque pur di giocare.

Questo è il messaggio che Francesco Totti rivolge a tutti i suoi tifosi e agli amanti del calcio, perché contro ogni regola convenzionale sente ancora pulsare il desiderio di stare in campo vicino al suo amore di sempre: il pallone, che per quasi venticinque anni ha indirizzato in ogni parte dei prati verdi d’Italia e d’Europa.

L’idea, forse accarezzata, di smettere definitivamente, deve averlo spaventato troppo, al punto che ha deciso di diradare la nebbia che ne avvolgeva la mente con tutti i suoi dubbi.

E oggi, con grande coraggio è pronto a ribadire un concetto: nessuno può impedire ad un uomo, e un ad un fuoriclasse soprattutto, quando è il momento di concludere la propria carriera.

In tanti, da Maradona, Mazzone fino a Zeman, hanno sperato di vederlo ancora suggerire assist e compiere gesti tecnici più unici che rari, con la classe sconfinata che tutti gli riconoscono.

Gli applausi dell’Olimpico, che i 65000 sono pronti a offrirgli, saranno gli ultimi dei romanisti, ma non quelli che sanciranno la fine del suo rapporto con il campo, perché Totti era, è e sarà sempre applaudito, per la passione che l’ha legato a Roma e quel sentimento indescrivibile, vivo come all’esordio, per il calcio e chi lo ama come lui.

Commenti