“Torneranno giorni migliori”. Il discorso straordinario della Regina Elisabetta

La Regina d'Inghilterra torna a parlare ai suoi sudditi. È il quarto discorso in 68 anni di regno. Parole di conforto ed incoraggiamento di fronte all'emergenza coronavirus

0
1045

È stato un discorso storico quello della Regina Elisabetta. Appena il quarto in ben 68 anni di trono. Il primo in occasione del primo conflitto in Iraq, poi quello per i funerali di Lady Diana. Infine, nel 2002, il discorso per la scomparsa della madre ultracenteneria.

Di verde vestita, con i suoi 94 anni, la Regina è apparsa alle 20 (21 in Italia) di ieri, in video, per il suo quarto discorso storico alla nazione. Quattro minuti di messaggio, registrati nei giorni scorsi nel Castello di Windsor, dove si trova attualmente in isolamento con il principe Filippo.

Lo storico discorso alla nazione della Regina Elisabetta

Parole di conforto, solidarietà e forza quelle della Regina Elisabetta. In un momento così critico, quale quello che sta vivendo il Regno Unito e gran parte del pianeta, la sovrana britannica non poteva non rivolgersi direttamente ai suoi sudditi.

Vi parlo in un tempo che so essere di crescente difficoltà: un tempo di sconvolgimento nella vita del nostro Paese che ha portato dolore ad alcuni, problemi economici a molti ed enormi cambiamenti nella vita quotidiana di tutti noi“, ha detto la Regina.

In un momento così difficile, la Regina Elisabetta ha voluto lasciare uno splendido messaggio alla nazione e al suo popolo.

Un ringraziamento a chi combatte in prima linea e a chi sta casa

La Regina ha ringraziato gli operatori sanitari e gli operatori dei servizi essenziali. Lanciando un messaggio di speranza e unità. Ha anche parlato di quanto può essere duro l’autoisolamento. Descrivendolo, tuttavia, come un’opportunità per “rallentare, mettere in pausa e riflettere nella preghiera o nella meditazione“.

Voglio ringraziare chi resta a casa per proteggere gli altri“, ha aggiunto la sovrana.

La Regina ha ricordato il tempo della II Guerra Mondiale, parlando di una sfida “diversa“. Segnata, però, dallo stesso “penoso senso di separazione“. Ha tuttavia insistito sulla necessità di rispettare le restrizioni imposte dal governo.

Orgoglio per quello che siamo” che “non è parte del nostro passato, ma definisce il nostro presente e il nostro futuro

Spero che nei prossimi anni tutti potranno essere orgogliosi di come hanno risposto a questa sfida. E coloro che verranno dopo di noi diranno che i britannici di questa generazione sono stati più forti di qualsiasi altro, che le qualità dell’autodisciplina, della cortese determinazione e della comprensione reciproca ancora caratterizzano questo Paese“.

La regina Elisabetta ha incoraggiato, con parole di orgoglio, i suoi sudditi di fronte all’emergenza coronavirus.

La certezza della vittoria

Vinceremo e torneremo insieme“. La Regina si è mostrata convinta che la Gran Bretagna ed il mondo intero riusciranno ad avere la meglio su questo nemico invisibile.

Prevarremo – ha concluso la Reginae la vittoria apparterrà a ciascuno di noi. Dobbiamo confortarci pensando, mentre abbiano ancora di che sopportare, che giorni migliori torneranno: che saremo di nuovo con i nostri amici, saremo di nuovo con le nostre famiglie e ci incontreremo ancora“.

Un discorso storico quello della Regina, atteso dal suo Paese. Parole che la sovrana non poteva più rimandare.

C’è stato anche spazio per un ricordo insieme pubblico e privato. Il primo discorso alla radio pronunciato dall’allora principessa Elisabetta, insieme alla sorella Margaret, nel 1940. Rivolto “ai bambini che erano stati evacuati a causa della guerra e mandati via per la loro stessa sicurezza“.

Leggi anche

Il coronavirus riporta la regina Elisabetta e il principe Filippo sotto lo stesso tetto

Coronavirus UK: il primo contagio potrebbe risalire a gennaio

Commenti