Torna il terrore in Europa: 3 morti e 13 feriti a Strasburgo. L’autore in fuga e frontiere blindate.

0
213

Erano circa le ore 20 quando a Strasburgo si sentono degli spari. Siamo nel mercatino di Natale più antico d’europa e tra i più famosi al mondo, in pieno centro e quindi sempre molto affollato. Cheriff Chekat, di origini nordafricane ma nato e cresciuto nel capoluogo Alsaziano, si sarebbe recato in quest’area – secondo quanto riferito dai media francesi – attorno alle 19.50, a pochi minuti dalla chiusura dei mercatini. Probabilmente la sicurezza stava allentandosi proprio in quei minuti in cui il giovane 29enne ha potuto agire sparando dei colpi contro diversi innocenti. Successivamente ci sarebbe stato anche un conflitto a fuoco con alcuni agenti. Al momento le vittime sarebbero 3.Ci sarebbero anche 13 feriti, di cui 8 gravi. Tra questi ultimi anche un italiano, il radio giornalista Antonio Megalizzi.

Antonio Megalizzi.

Ora il killer è in fuga e probabilmente ferito. Sarebbe scappato a bordo di un taxi appena dopo l’attentato e potrebbe aver già lasciato la Francia. Infatti, nonostante le frontiere blindate in tutta Europa, geograficamente Strasburgo è a pochi chilometri dalla Germania. L’indagine si sta svolgendo a tutto campo ma dell’uomo, al momento, non si ha nessuna traccia.

Le dichiarazioni dell’interno Francese. Bisogna essere molto prudenti se parliamo di terrorismo, avrebbe dichiarato il sottosegretario dopo la notizia, aggiungendo che l’assalitore era sì noto alle forze dell’ordine francesi ma non per reati legati al terrorismo. Per questo motivo si va con i piedi di piombo sulla attribuzione della matrice terroristica a quella che potrebbe essere una “semplice” azione criminale.


Cheriff Chekat.

Il 29enne era conosciuto alle forze dell’ordine. Era definito un pericolo per la sicurezza nazionale anche se la sua fedina penale era si macchiata ma di reati comuni. Nel 2011 era stato anche  condannato per due anni. Durante la sua detenzione in carcere sarebbe stata segnalata la sua radicalizzazione e per questo era sotto sorveglianza. Una storia personale si sta scrivendo passo passo.

Inevitabilmente sono tanti dubbi sulla sicurezza e sulle forze dell’ordine francesi perché quest’uomo si conosceva bene. Inoltre ieri mattina alcuni poliziotti si erano recati presso la sua abitazione per notificargli un arresto ma non lo hanno trovato. Nella notte invece il blitz nel quartiere dove è cresciuto Cheriff. La sua abitazione è stata messa a soqquadro ma di lui nessuna traccia. Suo fratello sarebbe in stato di fermo ma non si sa se per accuse determinate o se solo per un interrogatorio.

Al momento sono 350 gli agenti impegnati nella ricerca e che sin da subito hanno blindato Strasburgo, che è anche il cuore dell’Europa se pensiamo che è sede del Parlamento Europeo. Parlamento che ieri è stato immediatamente chiuso con Antonio Tajani che, tramite una diretta Facebook, ha immediatamente diffuso quelle che erano le prime notizie.

Antonio Tajani.

Stamattina il Presidente del Parlamento Europeo ha parlato in assemblea descrivendo l’evento come “un attacco alla pace, alla democrazia e al nostro modello di vita” aggiungendo che “bisogna reagire facendo esattamente il contrario di quanti vogliono ferire la democrazia”. Lo faranno dando continuità ai lavori in plenaria, senza nessun annullamento. Anche questa mattina infatti si proseguono i lavori. Alle ore 12 invece si sono fermati per un minuto di silenzio in solidarietà con le vittime, i loro familiari e con tutta la Francia.

Il giorno dopo nel luogo dell’attacco.

Il Comune di Strasburgo si è rivolto ai propri cittadini, questi ultimi davvero desiderosi di tornare alla normalità, di restare vigili ma uniti in questa giornata di dolore. Una normalità che non torna è quella delle celebrazioni di natale che in segno di lutto sono state annullate del tutto. Il livello di allerta resta il più alto. Da ieri sera ma non solo per Strasburgo ma anche per tutta la Francia che viene da settimane difficili con lo sciopero dei gillet gialli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here